Politica Provincia
Ponte sul Ticino Policaro

Ponte sul Ticino: Policaro tira la giacchetta alla Regione

L'opera, di cui si parla da anni, torna nell'agenda politica, ora che si scaldano i motori per le elezioni di maggio, per mano del consigliere regionale novarese Giuseppe Policaro di Fratelli d'Italia, che ha presentato un emendamento al bilancio di Palazzo Lascaris, “con il quale si intende finalmente stanziare le risorse mancanti per la costruzione del nuovo ponte. Opera indifferibile per il rilancio del territorio”

Ponte sul Ticino: Policaro tira la giacchetta alla Regione. L’opera, di cui si parla da anni, torna nell’agenda politica per mano del consigliere regionale novarese Giuseppe Policaro di Fratelli d’Italia, che ha presentato un emendamento al bilancio di Palazzo Lascaris, “con il quale si intende finalmente stanziare le risorse mancanti per la costruzione del nuovo ponte del Ticino (di Oleggio, ndr)”, si legge in una nota.

Il tema dell’attesa costruzione del nuovo ponte era rimablzato alle cronache l’estate scorsa, quando la Provincia di Novara, così come tutti gli altri enti territoriali di tutta Italia, era stata chiamata a fare il punto sulle infrastrutture in seguito al crollo di ponte Morandi a Genova. «Il ponte di Oleggio (quello attualmente esistente, ndr) non è a rischio di crollo, ma è ora di tornare a spingere sulla realizzazione di quello nuovo. L’attuale struttura è stretta e inadeguata», aveva dichiarato l’allora presidente della Provincia Matteo Besozzi (leggi qui l’articolo). A settembre anche il gruppo consiliare della Lega Nord aveva presentato una mozione sull’argomento (vedi qui).

 

Ora che si scaldano i motori della campagna elettorale per le Regionali di fine maggio, l’argomento torna di nuovo in auge. “Si tratta, come è noto, di un’opera fondamentale per il nostro territorio, di cui si parla da oltre venti anni e il cui compimento potrebbe contribuire a migliorare la situazione economica di un’importante area della regione – afferma Policaro – Non ci si deve infatti arrendere dinnanzi al lungo periodo di crisi economica che ha eroso il tessuto sociale del novarese e del VCO. Il territorio necessita di importanti investimenti per consentire pieno sviluppo alle attività produttive. Per troppo tempo si è assistito alla chiusura di importanti imprese e alla conseguente crisi dell’indotto a detrimento dell’economia e della stabilità di  migliaia di famiglie piemontesi. E’ giunta quindi l’ora di chiedere ed ottenere lo sblocco dei fondi necessari alla costruzione del ponte sul Ticino, nella speranza che la giunta guidata da Chiamparino possa dimostrarsi coi fatti – e non solo con le parole – attenta al novarese. L’opera è indifferibile – conclude Policaro – perché consentirà agli investitori di puntare ancora sul nostro territorio e consentirà una migliore e sicura mobilità agli abitanti del Nord-Ovest Ticino. Se Chiamparino non si dimostrerà attento a queste esigenze, fin da ora l’impegno di Fratelli d’Italia è massimo in ordine a questo tema: che non potrà non essere fra i punti di maggiore rilievo del futuro candidato a Presidente di Regione del Centro-Destra”.

Il progetto del nuovo ponte è pronto sin dagli inizi del 2000. Ai tempi della Giunta Vedovato era stato ritirato, perché la Regione Lombardia era contraria: temeva che la nuova opera avrebbe aumentato considerevolmente il traffico e preferì spingere sulla bretella Marcallo-Mesero per Malpensa, che nel frattempo è stata realizzata.

  1. Avatar
    Marzio Re

    Al di là di eventuali mire politiche che con la sicurezza non hanno niente a che fare se non mera strumentalizzazione, il ponte sul Ticino a Oleggio è traballante.
    Ne ho avuto conferma oggi pomeriggio quando ero in coda fermo sul onte e davanti a me c’erano due TIR uno in fila all’altro, quando ho sentito la strada sotto di me che aveva un movimento ondeggiante.
    Non credo che sia una condizione normale per un ponte ove transitano migliaia di automezzi, il cui numero è andato crescendo sempre più negli ultimi anni.
    Personalmente sto pensando di cambiare strada anche se mi costerà maggiormente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,