Comunali, ore 23: a Garbagna ha votato il 53,43%, a Vaprio il 56,86%
20 settembre 23:13
Comunali, a Bogogno alle 23 ha votato il 57,38%
20 settembre 23:24
Comunali, alle 23 ad Arona ha votato il 45,51%, a Vinzaglio il 59,92%
20 settembre 23:31
Comunali, alle 23 a Invorio ha votato il 53,81% degli elettori
20 settembre 23:36
Comunali, affluenza ore 23: Italia (603 su 606 comuni) 49,61%, Piemonte 50,06%, Prov. Novara 49,16%
21 settembre 00:06
Referendum, affluenza ore 23: Italia 7.890 su 7.903 comuni) 39,42%, Piemonte 38,81%, Prov. Novara 38,32%
21 settembre 00:07


Politica Regionali Taccuino elettorale

PD, Rossi: «Priorità alla Città della Salute»

Alla luce del voto il consigliere regionale è rimasto l'unico esponente ‘dem’ nel cosiddetto ‘Quadrante’

‘4190 volte, grazie!’. Ha esordito così, sulla sua pagina di un noto social, Domenico Rossi, riconfermato consigliere del Pd in Regione, seppure, come lui stesso ha voluto precisare, «con un ruolo nuovo», nella minoranza. Un impegno che, però, non verrà meno, all’insegna del percorso «tracciato nella scorsa legislatura». Poi, a bocce ferme, i primi propositi: «Per il centro destra ora al Governo è arrivato il tempo dei fatti. Chiederò immediatamente al nuovo presidente Alberto Cirio di esigere da Roma una risposta sulla Città della salute. Le elezioni sono passate e non si deve perdere altro tempo. Il Ministero deve finanziare l’opera».

Tornando al suo nuovo compito, Rossi ha garantito che difenderà «le conquiste di questi ultimi cinque anni, evitando che facciano passi indietro, cominciando dalla legge sul gioco d’azzardo nei confronti della quale il nuovo presidente pare intenzionato a indebolirne l’efficacia», confermando il suo impegno anche sui fronti della legalità, dell’ambiente, del trasporto pubblico locale, della difesa dei cittadini più bisognosi. Alla luce del voto Rossi è rimasto l’unico esponente ‘dem’ nel cosiddetto ‘Quadrante’, «cosa che mi consegna una forte responsabilità amministrativa e politica. Dobbiamo ragionare sulla sconfitta del centro sinistra e più in generale di tutte le forze progressiste, in Italia e non solo. Anche il Partito Democratico deve trasformare questa sconfitta in una opportunità di rigenerazione».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati