Politica

Nastri in volata per il Senato. E Sozzani deve “dribblare” la Lega…

Ultime mosse per definire la griglia di partenza del centrodestra per le elezioni del 4 marzo

Gaetano Nastri al Senato, Diego Sozzani, Alberto Gusmeroli e Marzio Liuni alla Camera: potrebbe essere questa la futura pattuglia di parlamentari novaresi di centrodestra. Il primo per Fratelli d’Italia, il secondo per Forza Italia, gli altri due per la Lega Nord.

Nessuna certezza, ovviamente mentre il valzer delle candidature è al culmine del ballo, ma è un disegno possibile incrociando i molti e crescenti rumors delle ultime ore. Meglio: una quasi certezza c’è ed è quella del “modulo”, il “5-4-2-1”, con cui il centrodestra scenderà in campo nei collegi uninominali del Piemonte 2 (sono 8 alla Camera e 4 al Senato) tutti dati in “fascia A” dai sondaggisti del Cavaliere. Ovvero tutti vincenti a meno di un imprevedibile terremoto elettorale dell’ultima ora. Quindi tutti appetibili e così suddivisi: 5 a Forza Italia, 4 alla Lega Nord, 2 a Fratelli d’Italia e 1 a Noi per l’Italia, la ex “quarta gamba” centrista il cui nome è quello già certo di Enrico Costa, l’ex ministro di Renzi e Gentiloni, che andrà verosimilmente ad occupare la casellina del “suo” collegio di Cuneo.

Tutto il resto è invece ancora magmatico e dovrà poi essere il risultato di una serie di attente calibrature che tengano conto dell’accordo fra i partiti in sede regionale, dell’atteggiamento all’interno delle stesse formazioni politiche o più propense a candidature di calibro nazionale (è la tendenza di Forza Italia) o più inclini a dotarsi di una rappresentanza locale (come la Lega e Fdi), ma anche del comporre le candidature nel rispetto dell’alternanza di genere (e almeno un 40% ad uno dei due sessi) e infine scegliendo tra i candidati locali chi avrà più capacità di dimostrarsi rappresentante dei propri territori. Poi, su tutto, dovrà arrivare il placet dei vertici nazionali.

Come si vede una partita delicata da giocarsi in settimana: il 29 gennaio è l’ultimo giorno per presentare le candidature.

Diego Sozzani

A livello ufficiale sono solo cortine di nebbia. «Non posso ancora dire nulla, non se ne parlerà prima di giovedì quando è atteso il rientro del presidente Berlusconi dalla missione a Bruxelles» chiarisce a La Voce di Novara il coordinatore provinciale di Forza Italia, Diego Sozzani, che sta lavorando in stretto contatto con il collega regionale Gilberto Pichetto. Naturalmente è più che abbottonato sui nomi (soprattutto il suo, magari scaramanticamente) ma spiega: «La suddivisione nei collegi sarà in funzione delle persone scelte, in piena collaborazione con Arcore».

Come detto, ad oggi il suo nome continua ad essere fatto, insieme a quello di Pichetto sul fronte torinese, anche perché i due, oltre ad essere colleghi in Consiglio regionale, condividono analoghe posizioni nel partito, come quella del mancato ingresso di Fi nella coalizione per Canelli sindaco. Tra l’altro, in caso di doppia elezione al Parlamento, i posti lasciati a Palazzo Lascaris andrebbero a due novaresi, oggi in contrasto con i partiti in cui si sono presentati l’ultima volta: Luca Bona, che era nel “listino” di Pichetto in quota Lega ed oggi, espulso dal Carroccio, è dato in Forza Italia, e Giuseppe Policaro, attuale presidente di Assa (altro posto che potrebbe diventare “libero”), un passato in An, ultimamente forzista e sul fronte opposto del coordinatore provinciale, adesso pare molto vicino a Fdi.

Dunque Forza Italia: per Diego Sozzani anziché una candidatura di coalizione (con la Lega che non lo vuole) si potrebbe profilare l’ingresso in uno dei quattro del listino per il collegio proporzionale del Quadrante No-Vb-Vc-Bi in posizione (terzo?) non proprio da “fascia A”, comunque – grazie ad opportune calibrature di doppie candidature, ad esempio per la donna al secondo posto – posto più che buono, ma che richiede anche un impegno pancia a terra in campagna elettorale per far salire il risultato.

Del tutto diverso il ragionamento per Lega e Fdi dove – per l’area novarese – si guarda con principale attenzione ai collegi uninominali. Considerando i tre del territorio, cioè Novara e Verbania (i due della Camera) e Novara-Verbania (Senato), la ripartizione è data per equa: uno ciascuno ai tre partiti maggiori della coalizione.

Vediamo Fdi. Si sa che Giorgia Meloni punta con fermezza a volere un senatore piemontese di comprovata fedeltà alle direttive di partito (al di là dei proclami non si sa che cosa sarà dopo il 4 marzo e all’orizzonte c’è pur sempre anche un governo da Grosse Koalition all’italiana. E i senatori, che sono la metà dei deputati, al voto in aula valgono “doppio”). Ecco allora che il ruolo cercato da Meloni (a meno di un improbabile atterraggio di Guido Crosetto in periferia) si disegna al millimetro per Gaetano Nastri, che lascerebbe sì la Camera, ma per l’altro ramo del Parlamento. Assai meno probabile vedere il parlamentare novarese cercare la riconferma da catapultato in un collegio esterno in quota Fdi, che dovrebbe essere Biella alla Camera.

Alberto Gusmeroli

Infine la Lega. I rumors continuano a confermare il tandem che porti in Parlamento (quasi sicuramente entrambi alla Camera) sia Alberto Gusmeroli che Marzio Liuni. Uno schema dà il sindaco di Arona nel proporzionale sicuro e il presidente di Sun nell’uninominale di Novara. I ruoli potrebbero anche essere scambiati e allora sarebbe più naturale per Gusmeroli battersi nel collegio uninominale di Verbania (di cui fa parte Arona).

Ma non è detto. Al conteggio manca ancora la casellina per l’altro uninominale alla Camera, in quota Forza Italia. Qui, però, davvero potrebbe essere un nome di livello nazionale indifferentemente eleggibile nel collegio Nord o in quello Sud.

Come si vede le tessere da sistemare nel complesso mosaico delle candidature nel centrodestra sono ancora molte. E noi abbiamo cercato di mettere in luce quanto emerge come probabile ad oggi, a meno di una settimana dalla chiusura obbligata del ballo. Domani è un altro giorno, si vedrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Consigliati