Politica Scuola
Mense scolastiche Graziosi

Mense scolastiche: «Nuovo bando pronto per marzo»

Botta e risposta fra l'assessore all'Istruzione Graziosi e l'opposizione Pd. Intanto è stato revocato lo stato d'agitazione degli addetti alla ristorazione

Mense scolastiche: «Nuovo bando pronto per marzo». Lo annuncia l’assessore all’Istruzione Valentina Graziosi: “Avrà una durata di due anni e stiamo cercando di fare in modo che sia i primi sia i secondi siano cucinati in loco. Attualmente invece vengono preparati sul posto solo i primi, mentre i secondi vengono cucinati all’esterno, consegnati e riscaldati nei forni delle cucine delle scuole”. Dell’argomento si è parlato in una recente commissione consiliare, in Comune a Novara. Incontro in seguito al quale l’opposizione del Pd ha sollevato dure critiche. “La precedente commissione consiliare, del 19 novembre, aveva lasciato in sospeso alcuni interrogavi relativi alle scelte che l’Amministrazione comunale avrebbe dovuto compiere in merito al servizio di ristorazione scolastica per i bambini e le bambine delle scuole novaresi.

Sul tavolo l’ipotesi di costruire un centro cottura nella zona commerciale di Veveri, che però prevede tempi decisamente lunghi sia dal punto di vista urbanistico che tecnico. A tre anni dall’insediamento nessuna idea chiara e nessuna linea certa emergono dalle parole dell’assessore Graziosi – commentano i democratici – In attesa di una decisione definitiva e duratura, l’Amministrazione emetterà un ‘bando ponte’ per assicurare il servizio di ristorazione scolastica. Il gruppo consigliare del PD esprime le sue perplessità sui modi e sui tempi incerti proposti. L’incapacità e la superficialità dimostrata, ancora una volta dall’Amministrazione Canelli, di non assumere una linea chiara porterà a non risolvere il problema nemmeno entro il 2021, termine di fine corsa per questa Amministrazione”.

“Rispetto al centro cottura ci sono stati dei rallentamenti sulla variante urbanistica, che non dipendono da noi. In quell’area rientrerebbe anche la multisala, su cui però la Regione ha aperto una riflessione – replica Graziosi – Il dato di fatto è che a luglio scadrà l’attuale bando sulle mense scolastiche e dobbiamo fare in modo che per settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico, l’appalto possa essere operativo. Prima di emanarlo dobbiamo avere informazioni certe, per questo è in corso lo studio dello stato dell’arte (ad esempio il valore dei macchinari, il numero e il valore dei pasti). L’obiettivo è creare un bando aperto a tutti e che sia migliorativo. Come ho già detto ai consiglieri, l’idea è di condividerlo prima della pubblicazione in una seduta di commissione a porte chiuse”.

Ha parlato dell’ipotesi della cottura completa in loco dei pasti: qual è lo stato di salute delle cucine delle scuole?
“Al momento sono tutte funzionanti, ad eccezione di quella della materna del Torrion Quartara, dove sono in corso delle normali manutenzioni antincendio – risponde Grazioli – Si tratta di attività a carico di Dussmann (azienda titolare dell’appalto mense, ndr), che continua ad assicurare i pasti, portandoli già pronti sul posto”.

L’azienda, intanto, negli ultimi giorni ha visto sospendere lo stato d’agitazione da parte degli addetti, dopo “l’incontro in Prefettura di Novara con la Dussmann Spa, che si è resa disponibile a verificare quanto contestatole così eliminando i disagi lamentati dai lavoratori – spiega Fisascat Cisl – Pertanto la procedura viene sospesa e sarà convocata una nuova riunione il prossimo 11 febbraio”.

Leggi anche Mense scolastiche: appalto in scadenza, ancora molti dubbi sul futuro

  1. Avatar
    Laura Razzano

    Io mangio in mensa,a scuola, tre volte alla settimana. Oggi panzerotti, coscia di pollo e insalata. Tutto buono, nella normalità di una mensa scolastica. Ovvio che se i bambini non conoscono certi alimenti sono restii a provarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,