Politica

M5S: “Cicco” Veronica candidato. A Bologna

Il comico novarese in lizza per la Camera nel collegio uninominale di Bologna Casalecchio. E il campione olimpico Fioravanti sarà schierato a Torino. A Novara Crippa fa il bis. Al Senato c'è Fabio Barbieri

Novaresi candidati “in trasferta” per il Movimento 5 Stelle: come La Voce aveva anticipato sarà della partita il 4 marzo l’ex campione di nuoto, plurimedagliato alle Olimpiadi di Sidney 2000, il trecatese Domenico Fioravanti. Ma non in un collegio novarese, come si era ipotizzato, ma invece a Torino nel collegio numero 2 (Barca-Aurora-Barriera Milano).  Nella presentazione di questa mattina a Roma, Fioravanti ha fatto professione di umiltà «Non sono molto esperto di politica – ha detto –  ma credo che si possa fare molto in ambito sportivo per migliorare».

C’è anche un altro novarese di nascita schierato al seguito di Luigi Di Maio. Uno che con il “leader storico” Beppe Grillo condivide anzitutto la professione di attore comico. È Paolo Maria “Cicco” Veronica, 59 anni, novarese doc, emigrato però da anni a Bologna. Per anni è stato un comico di successo in coppia con un altro novarese, Roberto Malandrino. I due furono anche insigniti del titolo di Novaresi dell’anno” nel 1990, insieme al pittore Pier Luigi Parzini e al neurochirurgo Enrico Geuna. Nel passato di “Cicco” Veronica c’è già stata una candidatura, negli anni 70, per il Comune di Novara nelle liste del Partito Comunista Italiano.

Per quanto riguarda i collegi uninominali di Novara, la scelta dello staff di Di Maio rafforza ulteriormente il deputato uscente Davide Crippa, che oltre che capolista nel proporzionale sarà anche alfiere pentastellato nell’uninominale su Novara.  Nel collegio del Vco (che comprende Arona e Borgomanero)   candidata è Simona Pedroli, domese e già candidata grillina per un posto in Consiglio comunale alle ultime amministrative di Domodossola.

Nell’uninominale al Senato in corsa invece su Novara e Vco Fabio Barbieri, novarese, consulente d’impresa.

  1. Lo ricordo alle manifestazioni del movimento degli studenti con il megafono in mano. Peccato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.