Politica

Liste: le ultimissime prima del gong

Fratelii d'Italia conferma Nastri al Senato. Per la Lega qualche fibrillazione finale, ma restano Gusmeroli e Liuni. Presentati anche i candidati di "Più Europa" di Emma Bonino

L’on. Gaetano Nastri (Fratelli d’Italia) è ufficialmente in corsa per l’elezione al Senato nel collegio uninominale di Novara mentre alla Camera sono ufficializzate le candidature, in casa Lega, di Alberto Gusmeroli all’uninominale di Novara e Marzio Liuni, terzo ma blindatissimo al proporzionale.

Si è dovuto attendere quasi l’ultimo istante prima dello stop delle 20 di questo lunedì per conoscere la lista dei nomi – ovviamente parliamo dei collegi proporzionali plurinominali – depositati a Torino da Fratelli d’Italia e soprattutto della Lega (dal cui simbolo è scomparsa la storica parola “Nord”) perché per il Carroccio il parto pare sia stato particolarmente difficile sul nome del candidato da “catapultare” sul territorio al Senato.

FRATELLI D’ITALIA

Per Fdi, che ha chiuso le liste poco più di un’ora prima del gong il quadro è completo. Il listino della Camera è guidato da Guido Crosetto, cuneeese, deputato da tre legislature e coordinatore del partito, candidato in tutti i collegi piemontesi. Dietro a lui Marisa Zariani, avvocato verbanese, Luigi Songa, omegnese e già assessore e consigliere comunale nel capoluogo cusiano, e la vercellese Stefania Cristino.

Il proporzionale del Senato è guidato da Daniela Santanchè, cuneese, anche lei deputato da tre legislature ed entrata in Fdi a dicembre, Giovan Battista Fazzolari, Raffaella Daddio e chiusa dall’imprenditore torinese Fabrizio Comba che è anche capolista nel Piemonte 1.

LA LEGA

Rush finale più sofferto per la Lega che schiera al proporzionale Camera come capolista il segretario “nazionale” Riccardo Molinari (candidato anche all’uninominale di Alessandria e capolista in un proporzionale torinese), a cui segue Elena Lucchini (segretaria della Lega a Voghera, dove è candidata all’uninominale, oltre che in un altro proporzionale lombardo), quindi il presidente di Sun Marzio Liuni (quindi ad elezione praticamente sicura); a chiudere la biellese Cristina Patella.

Al Senato al pattuglie leghista è aperta da Enrico Montani, verbanese, deputato e poi senatore dal 2006 al 2001, seguito dalla bergamasca Simona Pergreffi (entrata all’ultimo momento in un posto che sembrava inizialmente destinato all’avv. Giulia Bongiorno, ex finiana, ora capolista nel collegio di Torino); al terzo posto il segretario cuneese del Carroccio, Giorgio Bergesio a cui segue l’ossolana Maria Elena Gandolfi.

PIU’ EUROPA

Nel pomeriggio si è presentato anche la terza forza della coalizione di centrosinistra, Più Europa, guidata da Emma Bonino. I listini del nostro territorio sono molto simili agli altri piemontesi con una caratterizzazione di esponenti del mondo radicale torinese.

Alla Camera il listino è aperto da Antonella Soldo, poi Igor Boni (esponente storico dell’associazione Adelaide Aglietta), Caterina Simiand e Davide Pozzo. Per il Senato il listino è composto da Carmelo Palma, Filomena Gallo, Silvio Viale, medico noto per le battaglie abortiste, e Irene Piccinini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.