Politica

La cuoca e gli ex. Ecco la lista di “Liberi e Uguali”

Pina Muscariello, dipendente della ditta appaltatrice delle mense scolastiche del Comune di Novara, è capolista nel proporzionale e candidata all'uninominale alla Camera. In campo anche Roberto Leggero e Ricky Giuliani

Si chiama Pina Muscariello ha 41 anni, è originaria di Aversa ed è una cuoca, dipendente della dita Alessio, appaltatrice del servizio di ristorazione scolastica per il comune di Novara: è la donna su cui Liberi e Uguali punta per le elezioni del 4 marzo. Il partito di Pietro Grasso l’ha candidata come capolista nel listino proporzionale per Montecitorio e nel collegio uninominale di Novara sempre alla Camera. Muscariello è delegata sindacale della Cgil nella categoria del commercio, settore di cui è stato segretario Attilio Fasulo fino alla sua elezione al vertice provinciale della Camera del Lavoro.

La lista è completata da Paolo Cosseddu, biellese referente di PIemonte di “Possibile” di Pippo Civati, Luisa De Filippi e Ippolito Grimaldi.

Riccardo Giuliani e Roberto Leggero

Nell’altro collegio uninominale LeU schiera Roberto Leggero, docente di storia, ex Pd, fondatore della associazione “La Torre Mattarella”. Leggero cinque anni fa, nel turno elettorale del 2013 fu tra i candidati Dem alla Camera, selezionati con le primarie tra gli iscritti.

L’altro candidato novarese, posizionato al quarto posto del listino proporzionale del Senato, è Riccardo Giuliani, sindaco in carica di Suno, anche lui ex Pd. Lo precedono la senatrice uscente Nerina Dirindin docente universitario torinese, Fabrizio Botta avvocato di Como e Claudia De Marchi, sindaco di Fontanetto Po.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.