Politica

«Il governo del cambiamento si è rivelato il governo del fallimento»

Il parlamentare ossolano del PD Enrico Borghi non usa mezzi termini nel commentare la crisi di governo

«Il governo del cambiamento si è rivelato il governo del fallimento». Il parlamentare ossolano del PD Enrico borghi non usa messi termini nel commentare la crisi di governo. «L’inganno del Governo del cambiamento è venuto a galla. Un Governo giallo – verde che, per esplicita ammissione dei protagonisti, è stato quello del fallimento». Non usa mezzi termini il deputato del Pd Enrico Borghi nel fare la sua analisi sull’improvvisa accelerazione che ha portato di fatto alla crisi dell’Esecutivo guidato da Giuseppe Conte.

 

 

 

Per il parlamentare ossolano «dopo un anno di continui litigi, infrastrutture bloccate, errori nella politica economica che ci hanno portati alla crescita zero e con lo sdoganamento di pericolose logiche contro la libertà da parte del ministro dell’Interno, il Governo ha gettato la spugna con il più classico dei copioni: la pugnalata di un “rivoluzionario” a un proprio collega».

Per Borghi il nostro Paese ha già pagato «il pressapochismo e l’arroganza di questi soggetti, che ci hanno portati al totale isolamento internazionale e all’impoverimento interno. Dicevano di voler durare un secolo, sono durati un anno…».

Quale allora la possibile soluzione a breve? «È il momento – ha auspicato Borghi – di una larga alleanza repubblicana che possa sconfiggere i nazional-populisti come è avvenuto in quasi tutta Europa. Mettiamoci al lavoro per l’Italia».

 

Leggi anche

«Frattura insanabile, voto anticipato a ottobre»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,