Politica

Canelli “soldatino” di Salvini in campo per il Decreto Sicurezza

Il sindaco commenta sui social e in televisione a Sky Tg24 la polemica sulla applicazione delle norme in tema di protezione umanitaria dopo l'iniziativa di disobbedienza civile del primo cittadino di Palermo e gli interventi critici di altri sindaci

Il “capitano” chiama, Canelli risponde. Così il primo cittadino di Novara è sceso in campo oggi sui social e anche in televisione (nel pomeriggio a Sky Tg 24) per difendere il cosiddetto “decreto sicurezza” dopo la clamorosa iniziativa di disobbedienza civile del sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Orlando ha annunciato di aver dato ordine ai funzionari dell’anagrafe di non applicare le norme del decreto sul  divieto di rilascio della residenza ai rifugiati coperti da protezione umanitaria. Anche altri sindaci, pur non arrivando a violare volontariamente la legge, hanno sostenuto posizioni molto critiche nei confronti del decreto.

Ed ecco allora che Salvini ha orchestrato una controffensiva mediatica, mandando avanti diversi sindaci molto vicini, tra cui appunto Canelli.

Sul suo profilo Facebook, già questa mattina il sindco di Novara scriveva: «Alcuni sindaci del PD oggi hanno contestato il decreto Salvini su sicurezza e immigrazione.  Io penso invece che sia uno strumento fondamentale per il controllo del territorio e per la sicurezza dei cittadini e noi a Novara lo applicheremo in pieno. Anzi, abbiamo già iniziato ad applicarlo con alcuni provvedimenti precisi. I sindaci e gli amministratori locali avevano bisogno di questo strumento essenziale, che segna un deciso cambio di rotta e di impostazione nelle politiche sull’immigrazione e sulla sicurezza. Spiace che alcuni sindaci, forse più per motivi ideologici, abbiano annunciato di non voler applicare una legge dello Stato votata dal Parlamento. Forse – conclude Canelli – hanno nostalgia dell’epoca dell’immigrazione senza controlli. Con la loro scelta, arrecano un danno anche ai loro stessi cittadini».

  1. Avatar

    Una legge di Stato va comunque applicata, qualora si dovessero poi riscontrare criticità si può sempre mettere dei correttivi; dubito sull’incostituzionalita’ di questa legge, il Presidente Mattarella, quale afferrato costituzionalista, se fosse stata impropria, l’avrebbe respinta. A mio avviso urgono azioni più decise, soprattutto dove dilaga un evidente e vergognoso sbando, tipo le zone metropolitane di grande spaccio, vedi filmati di Striscia la notizia. In ultimo, il Sindaco di Novara sarà un soldatino, ma sa ragionare con la propria testa, finora ha saputo dimostrarlo, ve lo dice uno che non è del suo colore.

    • Avatar

      Il Sindaco di Novara, pensasse alla situazione di Novara, ormai allo sbando, quartieri abbandonati all’incuria e immersi nell’immondizia da mesi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,