Politica

Biondelli “blindata”. Ma solo un po’…

All'alba sono arrivati da Roma i responsi della lunghissima direzione nazionale del Pd che ha varato le candidature

Le due parlamentari uscenti (Franca Biondelli e Elena Ferrara) candidate nei collegi uninominali rispettivamente di Camera e Senato. Biondelli dotata anche di un (piccolo) paracadute con un secondo posto nel listino proporzionale per la Camera, che è aperto dal deputato uscente ossolano Enrico Borghi, e che è completato da altri due uscenti, l’alessandrino Fabio Lavagno (già di Sel), e la biellese Nicoletta Favero.
Un ministro, la ligure titolare del dicastero della Difesa Roberta Pinotti, aprirà invece il listino proporzionale per il Senato, seguita dall’uscente cuneese Mino Taricco, dalla alessandrina Cristina Bargero, con il novarese Rossano Pirovano a chiudere la lista.
È questo l’esito di una  notte complicata e carica di tensioni alla Direzione Nazionale del Pd, apertasi dopo la mezzanotte e conclusasi alle 4 del mattino, con un voto non unanime sugli elenchi varati dalla segreteria.

In attesa dei commenti, che di certo non mancheranno in giornata, una prima valutazione non può che rilevare che l’unico candidato Dem veramente “blindato” con ottime probabilità di ritornare a Montecitorio è Enrico Borghi, che peraltro si è guadagnato sul campo molto apprezzamento a livello nazionale. In posizione “forte”, ma non sicurissima, c’è anche la sottosegretaria al welfare Franca Biondelli, mentre al limite dell’impossibile l’impresa a cui è chiamata la senatrice uscente Elena Ferrara.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Consigliati