Politica

Anche a Novara le luci per Giulio Regeni

In largo don Minzoni, sotto lo striscione che chiede verità sulla sorte del ricercatore italiano ucciso in Egitto

Anche a Novara questa sera, nel secondo anniversario della scomparsa di Giulio Regeni un gruppo di cittadini si è riunito per ricordare il ricercatore italiano ucciso in Egitto. Una iniziativa promossa da Amnesty International a cui hanno aderito, tra gli altri, il circolo di Novara del Partito Democratico (presente il segretario Cesare Gatti) e la rete di Agorà Sociale.

«Devo dire – commenta Nathalie Pisano, componente della segreteria provinciale del Pd –  che nonostante la serata piovosa c’è stata una buona partecipazione, Novara è stata presente insieme ad altre 100 città italiane. Spiace che, nonostante l’invito degli organizzatori, non ci fosse neppure un rappresentante della giunta comunale. Comunque noi non smetteremo di ricordare Giulio e non smetteremo di chiedere che venga fatta chiarezza sulla sua morte»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.