Politica

Altro lavoro in vista per Augusto Ferrari

Chiamparino riassegna temporaneamente le deleghe dei due assessori candidati alle politiche, Pentenero e Balocco

Le deleghe dei due assessori della Giunta Chiamparino che sono candidati alle elezioni politiche, Gianna Pentenero (Istruzione) e Francesco Balocco (Trasporti), saranno ridistribuite fino al 4 marzo. Dopo le urn, in caso di non elezione i due esponenti dell’esecutivo regionale piemontese riprenderanno i loro incarichi, altrimenti li lasceranno definitivamente.

La redistribuzione delle deleghe, che sarà formalizzata nella prossima riunione di Giunta, è stata annunciata oggi in aula dal presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus.

Questa temporanea redistribuzione degli incarichi di giunta è foriera di nuovo lavoro per l’assessore novarese alle politiche sociali Augusto Ferrari. Saranno con ogni probabilità affidate a lui la maggiore parte delle competenze dell’assessore Pentenero (lavoro istruzione e formazione).  Le deleghe di Balocco verranno probabilmente “spacchettate”: i trasporti dovrebbero essere affidate al vicepresidente Aldo Reschigna, mentre le opere pubbliche e la difesa del suolo dovrebbero andare ad Alberto Valmaggia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.