Meteo

Ritornano le nubi in attesa del freddo di san Gaudenzio

Nei prossimi 5 giorni avremo occasione di vedere qualche fenomeno nuvoloso in più specialmente nelle giornate di mercoledì e venerdì quando non sono da escludersi deboli precipitazioni di carattere piovoso

Nella giornata di ieri abbiamo assistito all’ennesimo episodio ventoso ad opera di correnti calde settentrionali. Fenomeno assolutamente normale ma abbastanza inusuale nella frequenza con cui sta accadendo in questo primo mese del 2019.

Il favonio, detto anche fohn, è un vento di caduta caldo e secco che si presenta quando una corrente d’aria fredda, nel superare le Alpi, perde parte della propria umidità in precipitazioni (pioggia, neve) oltralpe. Quando la corrente sale verso l’alto, infatti, l’aria si espande, si raffredda: se l’umidità in essa contenuta viene persa (sotto forma di nuvola e/o precipitazioni), l’aria, nel ricadere sul versante sud alpino arriva a valle secca con una temperatura molto più alta di quella di partenza. Ecco spiegate le elevate temperature che si raggiungono durante questi episodi ventosi e i cieli tersi dovuti alla mancanza di umidità.

 

 

Da oggi cambieranno molte cose nello scacchiere delle circolazioni Europee. Le correnti fredde, che sino ad oggi andavano a schiantarsi sulle Alpi, cominceranno a prendere una strada via via più occidentale entrando direttamente dalla valle del Rodano sul mar Mediterraneo.
Questo porterà al ritorno di nubi il Val Padana dopo quasi 2 mesi di assenza. Per quanto concerne il quadro precipitativo tutto è ancora incerto. Sembrerebbe che dal 20 gennaio in poi, vi possano essere diverse occasioni nevose sino al piano. Ma serviranno ulteriori conferme.

Intanto i centri meteo del Nord-Europa (Uk e Scandinavi) lanciano l’allarme per fine mese per il possibile arrivo di una forte ondata di gelo su tutta Europa denominata “La Bestia dell’Est”. Tuttavia il Meteo della “Voce di Novara” raccomanda prudenza nel credere ad annunci così esasperati che ogni tanto vengono emessi da questi centri studi. Monitoreremo l’evolversi delle cose dandovi i dovuti aggiornamenti.

Tornando alla previsione per la città di Novara, nei prossimi 5 giorni avremo occasione di vedere qualche nube in più specialmente nelle giornate di mercoledì e venerdì quando non sono da escludersi deboli precipitazioni di carattere piovoso. Saranno possibili deboli nevicate in montagna sopra i 500 metri. Temperature sopra la media stagionale di circa 3 gradi.

Seguite il prossimo aggiornamento di venerdì, dato che potrebbero esserci rilevanti novità per il periodo di San Gaudenzio come annunciato nei precedenti editoriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,