Idee

Esami e farmaci, una app per scegliere con saggezza

Si stima che circa il 30% di quelli prescritti non siano necessari e rischino anzi di provocare danni

Si stima che circa il 30% degli esami, farmaci e altri trattamenti non siano necessari e rischino anzi di provocare danni. Di seguito qualche esempio di trattamento o esame che può essere non necessario o anche dannoso:

  • l’assunzione di antibiotici per l’influenza o per infiammazioni delle prime vie aeree (faringite, laringite, otite ecc)
  • l’assunzione di inibitori di pompa protonica (i cosiddetti gastroprotettori) in molte situazioni
  • la prescrizione di benzodiazepine per l’insonnia agli anziani
  • la prescrizione di un esame di risonanza magnetica al primo mal di schiena

Ma come fare a sapere quali sono questi esami e trattamenti, e capire perché sono spesso inutili, se non addirittura dannosi? Slow Medicine, associazione di professionisti e cittadini per una cura sobria, rispettosa e giusta, ha lanciato in Italia a fine 2012 il progetto “Fare di più non significa fare meglio – Choosing Wisely Italy” in analogia all’iniziativa Choosing Wisely (Scegliere con saggezza) già in atto negli Stati Uniti e disponibile al sito  https://www.choosingwiselyitaly.org/index.php/it/

Hanno aderito al progetto più di 40 società scientifiche di medici, infermieri, farmacisti e fisioterapisti che hanno pubblicato le loro raccomandazioni, al momento più di 200, su esami diagnostici, trattamenti e procedure che spesso non sono necessari e anzi rischiano di provocare danni.

Queste raccomandazioni, che hanno l’obiettivo di promuovere il dialogo tra i medici e gli altri professionisti sanitari ed i pazienti e cittadini su questi esami e trattamenti, sono anche pubblicate nel sito dell’Istituto Superiore di Sanità come esempio di buone pratiche.

Inoltre, per favorirne la comunicazione ai cittadini, a partire da alcune di queste raccomandazioni sono state prodotte, in collaborazione con Altroconsumo, delle schede rivolte a tutti i cittadini.

Il progetto di cui sono partner, tra gli altri, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, quella degli Infermieri e l’associazione Altroconsumo, fa ora parte di una rete internazionale di più di 20 Paesi, coordinata dal Canada.

Per favorire la diffusione delle raccomandazioni e il loro utilizzo pratico, è stata recentemente messa a punto la APP Choosing Wisely Italy che contiene, nella sezione “Professionisti”, le raccomandazioni delle Società Scientifiche e Associazioni Professionali italiane che aderiscono al progetto “Fare di più non significa fare meglio – Choosing Wisely-Italy”;
nella sezione “Cittadini”, le schede per i cittadini redatte da Altroconsumo in collaborazione con i professionisti, a partire dalle raccomandazioni. Le schede possono essere scaricate e stampate.

La APP è disponibile gratuitamente sui sistemi android tramite Play Store, con possibile accesso diretto: Goole Play Store e su IOS (iphone e Ipad Apple) attraverso App Store, con possibile accesso diretto Apple Store.

Chiunque senta di condividere questi concetti ispiratori è invitato ad associarsi a Slow Medicine (www.slowmedicine.it) per sostenerne le finalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,