Idee

Perché il finanziamento dall’estero di un partito è un fatto grave?

Salvini respinge ogni accusa alla Lega di aver avuto tangenti da società petrolifere russe, che agiscono tutte sotto il controllo dello Stato governato da Putin. Probabilmente questo è vero perché le rivelazioni di cui parlano L’Espresso e Repubblica e su cui sta indagando la magistratura non sarebbero mai avvenute perché l’affare non è andato in porto.

Sarebbe una tentata corruzione di cui sarebbe stato ignaro Salvini , avvenuta fra Savoini, uomo di fiducia di Salvini e alcuni manager russi. Salvini  ha certamente esagerato e mentito nel negare ogni rapporto con Savoini che lo ha accompagnato sempre nei suoi diversi viaggi in Russia con cui ha allacciato stretti rapporti con il partito di Putin di cui è da sempre un grande estimatore.

È possibile però che il Savoini sia stato autonomo da Salvini nel tentativo di procacciarsi fondi dai russi. Da sempre in tutti i partiti in genere il Segretario politico non si occupa delle questioni economiche e cerca di saperne il meno possibile apposta per evitare di doverne rispondere in sede giudiziaria se i finanziamenti violano le leggi che prevedono che i finanziamenti di privati a partiti politici debbano essere in chiaro , regolarmente registrati e pubblici se superano entità modeste e non devono superare un certo tetto. Il Segretario non se ne occupa e non vuole sapere, sono le seconde file a farlo.

È possibile che più che un tentativo di corruzione, Savoini del resto non ha mai avuto ruoli pubblici e non è mai stato parlamentare, componente del governo o dirigente pubblico, si sia trattato di un tentativo di finanziamento illecito ai partiti conclusosi nel nulla.

È comunque un fatto grave perché la Lega è il partito che più ha voluto dare sostegno a Putin anche in aspetti discutibili della sua politica come la guerra all’ Ucraina, le leggi omofobe, una propensione autoritaria ed antislamica. La Lega e Salvini sono sempre stati molto fermi nel chiedere la fine delle sanzioni contro la Russia anche se poi hanno fatto fronte comune con l’Europa per continuarle.

Appoggiare gli interessi di un’altra nazione dovrebbe essere fatto da un partito italiano solo se ritiene che si accordino con gli interessi italiani e non perché questo partito può averne un vantaggio economico, oltretutto non dichiarato e illegale.

Il fatto che il PCI per molto tempo abbia ricevuto dei finanziamenti dall’Urss che era dalla parte opposta dell’Occidente non giustifica oggi la Lega: il PCI sbagliava, questi finanziamenti ne condizionavano l’autonomia, quando il PCI di Berlinguer vi rinunciò fu più libero, sono cose di quaranta e passa anni fa, ne’ i Ds ne’ il Pd hanno mai preso i soldi dai sovietici e dai russi, la Dc non prendeva soldi dall’America, l’America i soldi li dette direttamente al Governo italiano, in modo pubblico con il Piano Marshall per la ricostruzione dell’Italia. Comunque il PCI rimase sempre all’opposizione e non ricopri’ mai funzioni di governo.

In questi anni nessun partito, nemmeno la Lega di Bossi o Forza Italia ha goduto di finanziamenti di governi esteri, non solo non ha cercato di averli, non espellere Savoini dalla Lega, non aprire un’inchiesta interna alla Lega per spiegare all’opinione pubblica come siano andate le cose è un fatto grave, soprattutto per un leader come Salvini che ogni minuto si vanta di perseguire l’interesse nazionale anche contro i Paesi stranieri da sempre più vicini e amici dell’Italia.

  1. Avatar
    Mazzucato Giuseppe

    Stiamo processando le intenzioni, dove andremo a finire, atteniamoci ai fatti provabili, e far conoscere al pubblico prove certe.

    • Avatar
      Pier Luigi Tolardo

      Un tentativo di commettere un reato non è un’intenzione ma un reato e la dice lunga su chi lo vuole commettere, poi certamente tutto va provato in un processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,