Idee

Orchestra sinfonica Conservatorio Cantelli

Se si chiudono gli occhi e non si vede questa orchestra suonare si può benissimo pensare di avere di fronte una delle più famose orchestre sinfoniche italiane. Se invece gli occhi si tengono aperti, e qualche volta è bene farlo, si vede che l’Orchestra del Conservatorio Cantelli è formata da giovani e giovanissimi. Se poi a questi musicisti misurati e motivati, si aggiunge un talento come quello della violoncellista Erica Piccotti, il panorama della una bella serata del Teatro Coccia è completo.

Si apre con la breve Overture dall'”Idomeneo” di Mozart con gli strumenti e i cuori ancora un po’ freddi per restituirci la complessità timbrica della pagina, ma il “Concerto in do maggiore n.1 per violoncello e orchestra” che segue fa catalizzare l’attenzione sia sulla eccezionale solista, vista la partitura che si presta molto ad evidenziarne le caratteristiche, sia sul grande affiatamento della sezione archi dell’orchestra novarese.

Erica Piccotti è padrona della scena in un perfetto amalgama con l’orchestra e assistita da un attento Nicola Paszkowski; forse non era nemmeno necessario posizionare la violoncellista su una pedana (solitamente riservata al direttore, con un effetto “Madonna in maestà” che si poteva evitare visto il talento e l’afflato della giovane musicista). Dopo il “cameo”, ecco ancora l’orchestra e il suo appassionato direttore con il Beethoven di “Le creature di Prometeo”, frizzante, leggero, una introduzione al balletto che più che alla fucina di Prometeo sembra alludere a temi pastorali ampiamente frequentati da Beethoven. In chiusura “Les Préludes” di Franz Liszt molto, molto “Sturm Und Drang”, pathos da vendere, e prevedibile eccitazione orchestrale ben tenuta in pugno dal direttore.

Personalmente non amo particolarmente questi programmi compositi dove dalla incisiva nitidezza di Haydn si passa alla pastosità di Liszt, ma si sa che io sono sempre un po’ integralista e trombone, resta un gran bel concerto del periodo “gaudenziano” come vuole la tradizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,