Idee

Il Nazionalismo inglese e quello italiano

Tra i film più visti nell’ultima stagione cinematografica ci sono gli inglesi “Dunkirk” e “L’ora più buia”, dedicati all’epopea della Resistenza britannica contro Nazismo e Fascismo alleati per schiacciare la libertà in tutto Europa e unificarla all’insegna del razzismo e della distruzione delle libertà e della dignità e della vita di milioni di uomini.

Arrivano dopo la Brexit, quasi a celebrare una superiorità inglese sull’Europa che aveva partorito totalitarismi e dittature.

Il Nazionalismo inglese sembra nutrirsi comunque di miti democratici. E il Nazionalismo italiano?

Rifiutando l’Europa invece in Italia si rischia di saltare i 70 anni di democrazia e tornare al Nazionalismo del regime fascista; la rivalutazione di Mussolini, la demonizzazione della Resistenza.

Anche il Mondo del cinema e della cultura italiana non sembra in grado di produrre, come aveva fatto in altri tempi, opere che sappiano divulgare e rendere popolare la memoria dell’antifascismo.

  1. PAOLO ALESSANDRO BONAZZI

    Sono assolutamente del medesimo parere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.