Idee

Mendicanti e no

Non so se sia mai stato fatto un censimento dei mendicanti nelle vie e nelle piazze di Novara.

A me pare, molto empiricamente, che il loro numero sia sempre quello da tempo immemorabile, da almeno più di 50 anni come i miei.

Certo, oggi sono molti meno davanti alle chiese è molti di più davanti ai supermercati ma anche noi andiamo molto di più nei supermercati e meno nelle chiese spesso chiuse a differenza dei supermercati sempre aperti.

Quello che noto positivamente è che una volta si vedevano spesso anche mendicanti  bambini: oggi la repressione ma credo più ancora una maggiore coscienza da parte di tutti li ha fatti quasi sparire.

Qualcuno più molesto di altri c’è sempre stato.

Certo una volta erano tutti bianchi, comunque italiani.

Ora ne trovi molti di colore, altre anziane dell’Est.

Anche questo è un bene, forse, se ci teniamo agli italiani e non credo che sarebbe positivo vedere più italiani e meno stranieri a fare l’elemosina.

Anche noi che non siamo mendicanti non siamo poi cambiati molto nel modo di guardarli e giudicarli: a volte impietositi, a volte indifferenti fino a non vederli, a volte infastiditi un poco o molto, dipende dai giorni.

Anche le cose che si sentono sono sempre le stesse, chiunque ci sia al Governo : dovrebbero andare a lavorare, troppo comodo, non pagano le tasse, perché non ci pensa la Chiesa, il Comune e la Polizia non fanno niente, dietro di loro ci sono potenti organizzazioni criminali, quando moriranno troveranno molti soldi a casa loro.

Gli anni passano ma i discorsi sono sempre gli stessi.

Forse, non si vedono più nonni o genitori che danno una moneta ai bimbi perché la diano al mendicante ma forse è solo perché non ci sono quasi più bambini.

Anche noi li guardiamo un po’ come una jella di quello che potemmo diventare o con invidia per quello che vorremmo essere ma poi ci diciamo che non abbiamo il coraggio di farlo.

«I poveri staranno sempre con voi» disse Gesù a Giuda che si lamentava che con i soldi del profumo versati dalla peccatrice sui suoi piedi si sarebbero aiutati molti mendicanti.

Certe volte perfino a Gesù ci tocca dare ragione, anche se non vorremmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.