Idee

L’unica risposta sembra essere solo l’inasprimento delle pene

C’è una costante della politica italiana che sembra andare aldilà della stessa divisione destra/sinistra.

È la reazione della politica e del Parlamento di fronte alla violenza in forme vecchie e nuove, a comportamenti antisociali nuovi che provocano  l’allarme della società.

Che sia il cosiddetto revenge porn, l’aumento degli incidenti stradali mortali, i comportamenti incivili sul web, i furti in appartamento, la risposta sembra essere una sola: aumentare le pene già previste o introdurre nuove pene.

Non solo il problema non sembra più essere quello, invece tuttora troppo attuale, della certezza della pena ossia non basta prevedere pene alte e severe se le forze dell’ordine non hanno poi i mezzi per individuare i colpevoli e se poi i processi non finiscono mai a causa delle carenze del numero dei magistrati, degli impiegati e dei mezzi giudiziari .

Se non c’è certezza della pena anche la pena più severa non fa paura.

Non solo poi non ci si pone più il problema di carceri adeguate in numero e in personale di sorveglianza che è tuttora irrisolto.

Si rischia soprattutto di ridurre tutto ad un problema di pene , di anni di carcere che l’opinione pubblica chiederebbe senza mai soffermarsi sulle cause sociali e culturali di queste forme di illegalità e sulle necessarie terapie da adottare per prevenire il crimine.

Vedere la società e i suoi disagi e conflitti solo come l’anticamerq del carcere non servirà a nessuno.

  1. Avatar
    michelangelo srls

    Il degrado sociale c’e’ perchè le scuole sono degradate, gli insegnante impreparati, il rispetto per le persone calpestato, la morale inesistente , i principi del cattolicesimo (non rubare, non uccidere ecc,) calpestati, cosa ci aspettiamo dal Vs. inutile buonismo? recuperare i valori della ns. società, non lasciarci calpestare. Comunque sono i magistrati che devono farsi un esame di coscienza sulla severità dell pene, che non vengono mai comminate. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,