Idee

Dialogo di Natale

Questo dialogo è dedicato a tutti coloro che non ci sono più. A quelli che ci hanno voluto bene e che sicuramente ci guardano da lassù, come mia nonna Antonietta e mio nonno Giovanni.

Vigilia di Natale, Purgatorio.

Giuanin: “Tugnèta, stanot ho sugnà  al Mariulin…”

Tugnèta: “Da bon Giuanin? Al Mariulin? Oh che bel sôgn Giuanin. E cusa al faseva al Mariulin?”

Giuanin: “Mah, Tugneta, ho mia capì ben, so mia…Ti ‘t ricordi qul rop da legn, che vegnivan fora i vüs? Cul scatulon da legn, che pö al saltava fora i balerini, i cantant, gli atur? Ma, ‘m ricordi pü cüma ‘’s’sciamava?”

Tugneta: “S’ciamava ‘television’, Giuanin, ti se un po’ rimbabì, anca chi in purgatori…”

Giuanin: “Ecco, brava la me Tugneta, la television! Sì, l’è vera, as chamava television…Però, se gh’pensi ben, l’era propri mia una television, l’era püse picula, la smeava un libar…”

Tugneta: “Giuanin ti ghi’avevi sü i ügial in tal sogn?”

Giuanin: “Tugneta, mi quand son drerä a sugnà, i porti mia i bariculi…Mi sogni cun’t la sciarvela, mia cun’t i öch…”

Tugneta: “Da bön Giuanin? Ti ghe anche ‘na scervela? Pensavi da no…”

Giuanin: “Fala mia lunga Tugneta, se to dì che ho sugnà, al Mariulin, cus ti ‘ste lì a cinquantarla sü, ti vöri savé cusa al faseva al to nevüt?”

Tugneta: “Ma ti m’lè dì Giuanin, al guardava dentar a la television…”

Giuanin: “No, Tugneta, l’era mia propri una television, l’era cuma un libar, ma gh’gniva fora un sciaron da lus, l’era tüta bleu e al Mariulin l’era tüt risciarà e al smeava incantà cuma davanti al föc…”

Tugneta: “Oh Signur, Giuanin, che sögn…E cusa al faseva povar Mariulin davanti a cul rôp?”

Giuanin: “Al scriveva, a smeava che g’aveva davanti una machina par scrif…”

Tugneta: “Ma Giuanin, ti sè ciuch me un rat o che roba? Te dì che l’eva davanti alla television, ades ti disi che l’era una machina da scrif! Tra un po’ l’era ‘na machina da cüsì…”

Giuanin: “Ma no Tugneta, l’era una televiosn cun tacà, una machina par scrif e da la television gniva fôra una lus bleu…e al Mariulin l’era drera a scrif…”

Tugneta: “E cusa’l scriveva?”

Giuanin: “La so mia Tugneta, vedevi mia ben, pudevi maduma lech al titul su cula pagina tüta bleu, l’era bel gros e ghera scrivü ‘dsüra in italian, bel gros: FACEBOOK, cunt’la lettera kappa e do O…”

Tugneta: “Eh sì al Mariulin ‘gh piaseva scrif, al scriveva sempar, chissà cüsa ghaveva in tla scervela, povar Ninin…”

Giuanin: “Gh’piaseva cüntà sü di storii, da suta gh’era scrivü DIALOGO DI NATALE…”

Tugneta: “Chisà da cusa al parlava…”

Giuanin: “Magari da mi e da tì Tugneta…”

Tugneta: “Ma sì, Buon Natale Giuanin…

Giuanin: “Buon Natale Tugneta…”.

 

La traduzione in italiano è d’obbligo, nonostante non renda come la lingua originale…

Giovanni: “Antonietta, sta notte ho sognato Mariulin…”

Antonietta: “Davvero Giovanni? Mariulin? Oh che bel sogno, Giovanni. E cosa faceva Mariulin?”

Giovanni: “Ma Antonietta, non ho capito bene, non so. Ti ricordi quell’affare di legno dal quale uscivano le voci? Quello scatolone di legno da dove saltavano fuori i ballerini, i cantanti, gli attori? Non mi ricordo più come si chiamava…”

Antonietta: “Si chiamava ‘televisione’ Giovanni, sei un po’ rimbambito anche qui in Purgatorio…”

Giovanni: “Ecco, brava la mia Antonietta, la televisione! Sì,  è vero si chiamava la televisione. Però se ci penso bene, non era proprio una televisione, era più piccola, assomigliava a un libro.”

Antonietta: “Giovanni li avevi gli occhiali nel sogno?”

Giovanni: “Io quando sogno non porto gli occhiali, io sogno con il cervello non con gli occhi.”

Antonietta: “Davvero Giovanni? Hai anche un cervello? Pensavo di no…”

Giovanni: “Non farla lunga Antonietta, se ti ho detto che ho sognato Mariulin perché stai lì a spaccare il capello in quattro, vuoi sapere cosa faceva tuo nipote?”

Antonietta: “Ma me l’hai detto, guardava la televisione.”

Giovanni: “No Antonietta, non era proprio una televisione, era come un libro, ma vi fuoriusciva un chiarore di luce blu e Mariulin era tutto illuminato come davanti a un fuoco…”

Antonietta: “Oh Signore, Giovanni, che sogno! E cosa faceva Mariulin davanti a quell’affare?”

Giovanni: “Scriveva, e sembrava davanti ad una macchina da scrivere…”

Antonietta: “Ma Giovanni sei ubriaco? Tra poco la fai diventare una macchina per cucire…”

Giovanni: “Ma no Antonietta, era una televisione con attaccata una macchina da scrivere e dalla televisione usciva una luce blu e Mariulin stava scrivendo…”

Antonietta: “E cosa scriveva?”

Giovanni: “Non lo so Antonietta, non vedevo bene, potevo solo leggere il titolo su quella pagina tutta blu: era bello grosso e non era in dialetto: FACEBOOK con la lettera K e due O…”

Antonietta: “Eh si a Mariulin piaceva scrivere, scriveva sempre, chissà cosa aveva nel cervello, povero piccolo…”

Giovanni: “Gli piaceva raccontare delle storie…Sotto c’era scritto DIALOGO DI NATALE.”

Antonietta: “Chissà di cosa parlava…”

Giovanni: “Magari di me e di te, Antonietta…”

Antonietta: “Ma sì, Buon Natale, Giovanni…”

Giovanni: “Buon Natale Antonietta…”.

  1. Avatar
    daniela gallina

    I mè Nadal

    I mè Nadal eran cargà ‘d fioca,
    cunt i candeli da giasc suta la grunda,
    dla mè finestra, cunt i tendini strafugnà int la man
    i vedevi i fil dla luce fà i s-sciatin,
    lastra l’era mia sfaltà e passava dumà ‘n quai carèt
    ma a Nadal al Bambin al gneva lustèss…
    Caramèli, mandarin e ‘n quai giügatulin,
    séran pòvar ma ‘l presèpi l’era smpar bèl
    e la not dal 24, anca par mi,rivava al Bambinèl..

    auguri a tüti dla daniela…

  2. Avatar

    Grazie Daniela, auguri a te e alla tua famiglia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,