Idee

Dialoghi dal terzo millennio. La signora Toffanin

Ambulatorio medico di base.

Cosima Toffanin: “Sciao Mario cossa te fe qui?”

Mariulin: “Oh che piacere Signora Cosima, beh sono venuto a farmi inoculare il vaccino…”

Cosima Toffanin: “Cito! Atento a come te parle! Xe in vigore el regolamento comuale e ghe scrito che non se pode parlar in xta manera! Xe contro el comune senso del sudore! Ostrega…”

Mariulin: “Ma no, signora Cosima, cosa ha capito? Inoculare significa iniettare il vaccino…”

Cosima Toffanin: “Varda che la Cossima non xe nata ieri! Te ghe dio una parolaccia! E se te senton le guardie te dao a multa ostrega! Non te ghe visto a la television e  istrici?”

Mariulin: “Le istrici?”

Cosima Toffanin: “Me te pii per cueo?”

Mariulin: “Attenta Signora Cosima, lei ha detto una parolaccia…”

Cosima Toffanin: “Oh Signoe, xe vero! Mi non son una sbocaciata, speremo che non me gha abbia sentio nisuno…”

Mariulin: “Ho sentito io…”

Cosima Toffanin: “Ma te capisi el veneto?”

Mariulin: “Avevo un nonno veneziano…”

Cosima Toffanin: “Ah già al Nani…Alora, te ghe visto e istrici a la television? “

Mariulin: “Ah forse ho capito: le iene?”

Cosima Toffanin: “Ma si, e ieni, e istrici, i peoci, quel che ti vôr, la question non cambia: non se pô parlar come se magna, per via de sto comun senso del sudor…”

Mariulin: “Signora Cosima, pudore, non sudore…”

Cosima Toffanin: “Eh no, caro el mio Mariulin, no xe pôde portar abiti sucinti, anche se xe semper per via de ‘sto comune senso del sudor, almeno mi go capio così…Ma te se che la Cossima non gha studiao e go anca el cornetto acustico della vodafon…”

Mariulin: “Amplifon, non Vodafon.”

Cosima Toffanin: “Ma te ghan mai dito che te se un gran scasa cojoni?”

Mariulin: “Qualche volta.”

Cosima Toffanin: “Perchè xe vero!”

Mariuoin: “E cosa altro dice il regolamento comunale?”

Cosima Toffanin: “Che non xe pô far bisbocia, che dopo un’ombreta te deve andà a dormir senza trope ciacole che te disturbi tuti quei che meton la bicicrèta tacao al pao dei segnali…”

Mariulin: “Signora Cosima forse sta facendo un po’ di confusione…”

Cosima Toffanin: “Ma va in mona! Cossa te credi che ga el morbo Horkheimer?”

Mariulin: “Ma no, Signora Cosima, però era Alzheimer, Horkheimer era un filosofo…”

Cosima Toffanin: “Ma va a remengo tì e tò sènare!”

Mariulin: “Signora Cosima, Lei sta violando in più punti il regolamento…”

Cosima Toffanin: “Ma va in cuèo cojon de l’ostrega! Mi son de Venessia San Poo, cossa te vôri che me ‘mporta de reoamento de ’sta cità de sciopi e de magnapoenta!“

Mariulin: “Prendo atto, ma lei sa dicendo cose inesatte, la filosofia del regolamento non era quella…”

Cosima Toffanin: “Sa cosa te digo? El sagio sa niente, l’inteligente sa poco, l’ignorante sa tanto, el mona sa tuto!”

Mariulin: “Ma io non mi ritengo un saggio…”

Cosima Toffanin: “Infati te xe un mona.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati