Idee

Derisking

Caro Direttore,
mi capita di partecipare a Londra ad un evento “a porte chiuse”  presso la nostra Ambasciata, con molti banchieri e operatori della finanza fra Londra e Milano…. Chi fa il mio mestiere ogni tanto deve anche dedicare un po’di tempo alle PR. Ci sono il Sottosegretario Giorgetti ed il dott.Panetta di Bankitalia. Un Commissario Consob, il presidente di Confindustria, operatori di private equity piuttosto che del settore dei cosiddetti NPL, non performing loans. Bene: tralascio  dei tecnicismi interessanti seppur abbastanza per addetti ai lavori, ti faccio grazia anche di molte ovvietà che siamo abituati a sentire in troppe occasioni simili, ma due punti interessanti per i nostri lettori li ho colti nella mattinata a Grosvernor Square: uno grazie al numero uno di Banco BPM ed uno grazie all’alto esponente di Bankitalia.

Dice in sostanza  l’Amministratore Delegato del Banco: «…parlare di cessioni di NPL (sofferenze) e parlare di cessioni di UTP (unlikely to pay,  vecchi incagli) non è affatto la stessa cosa. Gli NPL sono pezzi di carta legale e finanziaria, affari andati male con aziende fallite, ma gli incagli sono crediti verso aziende vive, una banca vorrebbe mantenere il cliente, aiutarlo, anche per il bene della banca stessa e del sistema sociale nel suo complesso, non perderlo. Non devono obbligarci a cedere gli Incagli».

Bankomat ve lo aveva detto qualche giorno fa, è un tema etico ed economico. Molto importante. Chissà se la comunità finanziaria ha capito ed apprezzato. Il Vice direttore generale di Banca d’Italia avrà sicuramente capito, e ci rappresenta in Europa.

Anche perché il dottor Panetta ha poi preso la parola e nel finale del suo intervento, elegantemente pro Italia come si doveva in simile consesso, ha lanciato un monito, una battuta. Penso che la avranno colta in molti: perché, osserva Panetta, quando si parla di derisking si parla quasi ossessivamente di rischio creditizio e relative manovre bancarie di accantonamenti su crediti e cessioni, mentre di derisking sugli attivi finanziari delle banche si parla  di meno?

Forse perché il credito rappresenta mediamente il 70% della attività delle nostre banche e solo il 30% del totale di bilancio delle banche europee? E cosa c’è all’attivo delle grandi banche europee? Molta finanza, di vario tipo. Forse anche molto rischiosa. Ne vedremo forse delle belle.

Banche avvisate…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,