Idee

Andrea Grossi Blend3

Come ama spesso ricordare Riccardo Cigolotti, “l’improvvisazione non si improvvisa” e stasera hanno improvvisato, per “Taste of Jazz” la rassegna gastronomico-musicale di Novara Jazz all’Opificio, Andrea Grossi con il suo “Blend3”,ovvero Manuel Caliumi al sax alto, Andrea Grossi al contrabbasso e Michele Bonifati alla chitarra elettrica. Vale la pena spendere due parole proprio sull’improvvisazione. Vittorio Gassman diceva che l’attore è colui che finge di fingere, potremmo dire quindi che anche i jazzisti fingono di improvvisare. È evidente che dietro ogni improvvisazione sta in realtà una preparazione tecnica, una “appercezione” della musica e del ritmo, per usare un termine filosofico di origine leibniziana, che va molto oltre lo spontaneismo. Basta guardarli questi tre giovani musicisti, molto “blend” come suggerisce il nome del gruppo, dove la “mescola” è fatta di grande affiatamento, passione, originalità. Dalla chitarra elettrica di Michele Bonifati sembrano uscire le sonorità dei mai dimenticati Tangerine Dream che vanno a planare sugli echi, fin quasi mahleriani, del contrabbasso di Andrea Grossi, con il sax di Manuel Caliumi a giocare il ruolo del battitore “free”. Un unico pezzo magnificamente orchestrato che alterna momenti intimistici a scorribande ritmiche, pur mancando nel gruppo un percussionista e quindi ancora più notevole. Davvero un gran bel concerto, ascoltato nella solita impeccabile indifferenza dei commensali; per fortuna che, come dice una mia amica, possiedo questa innata capacità di “assentarmi dal mondo”. A farmi compagnia, questa volta c’erano questi giovani e promettenti musicisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati