Gusto Una manager ai fornelli

Una prelibatezza…. piccante

Prepariamo insieme una conserva sempre deliziosa e stuzzicante: i peperoncini ripieni di tonno sot'olio

I peperoncini piccanti ripieni sott’olio extra vergine d’oliva sono una vera e propria prelibatezza.  Il mio ripieno preferito è quello a base di tonno, olive e capperi.

Questa conserva non è complessa da preparare, ci vuole solo un po’ di pazienza in fase di preparazione e pulitura dei peperoncini e soprattutto tanta attenzione nel maneggiarli, per via del’elevato grado di piccantezza. Il mio consiglio? Utilizzate dei guanti in lattice e non toccatevi mai il viso e gli occhi!!!

Per prepararli vi serviranno: 1 kg di peperoncini piccanti tondi rossi (chiamati anche bottoni)
500 gr di tonno sott’olio; 10 olive nere (io taggiasche denocciolate); un vasetto di capperi (io sotto sale); 4 filetti di acciughe (facoltativo); 10 bacche di ginepro; 4 bacche di anice stellato; 4 foglie di alloro; un pizzico di sale; un bicchiere di aceto bianco (io di mele); olio evo di buona qualità quanto basta

La preparazione dei peperoncini ripieni di tonno, olive e capperi è piuttosto semplice, anche se bisogna come al solito prestare parecchia attenzione ai materiali ed al processo di sanificazione dei barattoli e pastorizzazione della conserva.

Per un chilo di peperoncini di medie dimensioni consiglio di utilizzare 4 vasetti da 200/250 gr (ma ciò dipende naturalmente dalla dimensione dei peperoncini).

Prima cosa si dovrà procedere a selezionare peperoncini integri, lavarli accuratamente  e pulirli accuratamente. La pulizia dei peperoncini si fa tagliando l’area del picciuolo e scavandoli all’interno con l’aiuto di un piccolissimo cucchiaino da caffè. Mi raccomando, eliminate tutti i semini interni perché conferiscono piccantezza, Una volta puliti, lavateli nuovamente anche all’interno e tuffateli in una pentola con acqua e aceto bollente aromatizzati con un pizzico di sale, bacche di ginepro,  anice stellato e alloro, per circa 3 minuti. Estraeteli con l’aiuto di una pinza da cucina e metteteli ad asciugare a testa in giù su di un canovaccio pulito.

Mentre i peperoncini si asciugano preparate il ripieno. Frullate in un mixer il tonno, a cui avrete tolto l’olio, con le olive, i filetti di acciughe e qualche cappero finchè non otterrete un composto liscio ed omogeneo. Se il composto è troppo denso aggiungere un goccio di olio extravergine d’oliva mentre lo si frulla.

Una volta pronto il composto, quando i peperoncini saranno ben freddi ed asciutti potrete iniziare a riempirli. Aggiungete un cucchiaino di ripieno per ogni peperoncino ed alla fine guarnite il centro con uno o due capperi, precedentemente lavati. Posizionate i peperoncini nei contenitori appena sanificati, ordinatamente. Colmate il vasetto pian piano con dell’olio evo in modo da lasciare almeno un centimetro di spazio vuoto in testa. Chiudete i vasetti ermeticamente e procedete con la pastorizzazione facendoli bollire in acqua profonda per almeno 20 minuti. Lasciate raffreddare nella pentola. Estraete la conserva ormai pronta e verificate che il tappo sia ben saldo e non faccia click-clack.

Io consiglio di conservare i peperoncini per al massimo 3 o 4 mesi. L’ideale è prepararli a fine Agosto per consumarli o regalarli a Natale!

Potete scoprire altre ricette sul mio blog (cliccate qui se volete visitarlo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.