Gusto Tempo libero

Tre piani di bolle al Castello sforzesco

Ha aperto i battenti questa mattina la vetrina delle bollicine di qualità, "Di bolla in bolla", che espone 195 etichette di champagne e spumante metodo classico provenienti da tutta Italia e Oltralpe

Tre piani di bolle al Castello sforzesco. Ha aperto i battenti questa mattina la vetrina delle bollicine di qualità, “Di bolla in bolla”, che espone 195 etichette di champagne e spumante metodo classico provenienti da tutta Italia e Oltralpe.

Organizzatrice dell’evento l’associazione BBS: «Il taglio del nastro è stata la concretezza tangibile di un sogno che si avvera – ha dichiarato Andrea Binda – che ha avuto inizio un anno fa. Il piano terra è dedicato agli spumanti italiani e internazionali, il secondo piano champagne e alle eccellenze gastronomiche del territorio mentre al piano archeologico è dedicato ai seminari di approfondimento».

Presenti all’inaugurazione, oltre al sindaco Alessandro Canelli che, ancora una volta, ha ribadito «l’importanza del castello come contenitore culturale dei più importanti eventi della città», anche il presidente della Camera di Commercio Maurizio Comoli, la presidente di Atl, Maria Rosa Fagnoni, il presidente di Igor Gorgonzola, Fabio Leonardi. E in tempi di campagna elettorale, dal cilindro è uscita anche Mariastella Gelmini, ex ministro dell’Istruzione e attuale capogruppo di Forza ltalia alla Camera dei deputati che, a sorpresa, ha partecipato all’apertura del salone.

Delle 91 aziende presenti, molte arrivano del Piemonte: «Siamo qui a nome di sette aziende che arrivano dalla zona del Barolo, Barbaresco – raccontano i viticoltori dell’azienda Ettore Germano -. Sono tutti Nebbiolo 100% spumanti metodo classico. Da un po’ di anni si sta sviluppando interesse anche per questa tipologia, interesse che ha avuto origine dall’Alta Langa».

Una delle poche cantine a produttore un Nebbiolo d’Alba rosé è Cuvage spumanti di Acqui Terme: «Siamo una casa spumantiera  – spiega Andrea Battiloro – facciamo solo bollicine metodo classico. La zona di Novara per noi è nuova, stiamo cercando di rilanciare, il parterre è di profilo molto elevato».

Dal territorio, invece, lo spumante dell’azienda vitivinicola Travagli di Gattinara: «Nebolè è la nostra bolla, Nebbiolo vinificato in bianco. Noi produciamo circa 250 mila bottiglie l’anno, di spumante 2.500 quindi molto ristretta, però si sta facendo strada. È nata per andare a differenziare le classiche note del Nebbiolo».

Il salone è aperto oggi e domani dalle 10.30 alle 19.30. I biglietto di ingresso ha un costo di 50 euro; all’interno del castello è possibile anche pranzare nella lounge predisposta nel cortile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati