Allappante Gusto

Colazione da orto

Una "rivoluzione silenziosa" o una piacevole abitudine? La frutta a colazione come "rito" piacevole e salutare

Forse l’Orto sarà davvero la “rivoluzione pacifica” preannunciata da Carlin Petrini (e di cui vi ho parlato la scorsa settimana  in un altro articolo); per ora e per me è una piacevole abitudine: ogni sera vado nell’orto e raccolgo la frutta di stagione.

Ho iniziato con le fragole e le ciliegie e le amarene, poi i lamponi e l’uva spina: poi arriveranno le prugne, fra poco, e poi le pesche (poche quest’anno). E infine l’uva, le mele, le castagne, le nocciole, i fichi e i cachi. I kiwi per ultimi, farà già freddo. Li raccoglierò un po’ indietro e li metterò in cantina con le mele e i cachi.

La frutta la mangio per colazione con lo yogurt, ogni mattina. Quando è tanta la ritiro cotta o snocciolata in freezer.

La frutta cotta non mi piace, ma la spaccio volentieri.

Meglio la marmellata, con poco zucchero, e la frutta secca…

Quando l’inverno elimina le mie scorte, compro delle mele. A volte buone a volte meno. Qualche banana, mai buona. Non concepisco il consumo di frutta che non sia di stagione: non compro fragole fuori stagione, né ciliegie… mi sembra un’eresia.

Certo, voi direte: hai l’orto perché hai la terra per averlo. Vero, ma sono circondato da villette dai prati all’inglese e alberi decorativi. Scelte, direi. Forse un pezzo della “rivoluzione silenziosa” preannunciata da Slow Food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.