Allappante Gusto

Colazione da orto

Una "rivoluzione silenziosa" o una piacevole abitudine? La frutta a colazione come "rito" piacevole e salutare

Forse l’Orto sarà davvero la “rivoluzione pacifica” preannunciata da Carlin Petrini (e di cui vi ho parlato la scorsa settimana  in un altro articolo); per ora e per me è una piacevole abitudine: ogni sera vado nell’orto e raccolgo la frutta di stagione.

Ho iniziato con le fragole e le ciliegie e le amarene, poi i lamponi e l’uva spina: poi arriveranno le prugne, fra poco, e poi le pesche (poche quest’anno). E infine l’uva, le mele, le castagne, le nocciole, i fichi e i cachi. I kiwi per ultimi, farà già freddo. Li raccoglierò un po’ indietro e li metterò in cantina con le mele e i cachi.

La frutta la mangio per colazione con lo yogurt, ogni mattina. Quando è tanta la ritiro cotta o snocciolata in freezer.

La frutta cotta non mi piace, ma la spaccio volentieri.

Meglio la marmellata, con poco zucchero, e la frutta secca…

Quando l’inverno elimina le mie scorte, compro delle mele. A volte buone a volte meno. Qualche banana, mai buona. Non concepisco il consumo di frutta che non sia di stagione: non compro fragole fuori stagione, né ciliegie… mi sembra un’eresia.

Certo, voi direte: hai l’orto perché hai la terra per averlo. Vero, ma sono circondato da villette dai prati all’inglese e alberi decorativi. Scelte, direi. Forse un pezzo della “rivoluzione silenziosa” preannunciata da Slow Food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati