Qui UPO Solidarietà

Anche l’Università scende in campo contro il femminicidio

Presentate questa mattina le numerose iniziative che rientrano nel progetto “Donne nel Mediterraneo”

All’interno del progetto “Donne nel Mediterraneo”, sostenuto dall’Università del Piemonte Orientale, dalle scuole novaresi di ogni ordine e grado, dall’AIED di Novara, Comuni e realtà del territorio, rientrano una serie di iniziative in occasione del 25 novembre, Giornata Mondiale contro il Femminicidio.

Tutti gli appuntamenti sono stati presentati oggi, martedì 20 novembre, al Dipartimento di Studi per l’Economia e l’Impresa di Novara, alla presenza della professoressa Eliana Baici, direttore del DISEI, delle docenti UPO coinvolte Patrizia Zeppegno e Antonella Capriello, della coordinatrice del progetto Maria Carmela Longano, della presidentessa di AIED Novara Tiziana Fiorani, dei sindaci dei Comuni novaresi coinvolti, delle associazioni sindacali UIL e CGIL e delle numerosi associazioni aderenti.

Una targa per la vita”,  alla quale hanno aderito diversi Comuni della provincia di Novara (San Nazzaro Sesia, Granozzo con Monticello, Romentino, Borgomanero e molti altri), prevede l’affissione di una targa nelle sale consiliari, in ricordo di tutte le donne uccise per mano di chi diceva di amarle.

Nelle giornate del 24 e del 25 novembre a San Nazzaro Sesia, Romentino e Novara si terranno due serate benefiche a favore della raccolta fondi per lo sportello anti-violenza dell’AIED. Queste serate vedranno come protagoniste arte, musica e poesia esprimersi insieme per lanciare un grido di protesta contro ogni forma di violenza sulle donne.

Il 24 novembre alle 21, presso l’Atelier dell’artista Daniela Grifoni, nel borgo del Comune di San Nazzaro Sesia, si terrà un concerto, seguito dalla vendita benefica delle torte preparate dalle donne dell’Associazione “Incontro” di San Nazzaro Sesia, per raccogliere fondi a favore dello sportello antiviolenza.

Il 25 novembre, alle 16, all’Istituto Civico Musicale Brera, alla presenza della Vice Presidente del Senato sen. Anna Rossomando, ci sarà l’inaugurazione del vernissage di Daniela Grifoni “Quello che le donne non dicono”, una mostra creata per dire no ad ogni forma di violenza, cui seguiranno una lettura dell’attrice Paola Borriello e il concerto “Tutti i colori della musica” a cura dell’orchestra “Ex Novo”. Al termine lo chef Giampiero Cravero offrirà una degustazione delle eccellenze locali.

Sempre nella giornata del 25 novembre, alle 17 presso il centro culturale “Pio Occhetta” di Romentino, le donne dello Sportello Pensionati Italiani CGIL porteranno in scena lo spettacolo teatrale “Lucia, una vita violata”, al termine del quale si aprirà un dibattito con la psicologa Evelina Larcinese.

Le donne di “Patch Girls” hanno creato una coperta che sarà donata allo sportello antiviolenza di AIED; un’iniziativa che ha rappresentato la libertà di espressione di tutte le donne partecipanti: da chi ha ritenuto opportuno inserire i simboli della lotta, a chi ha inserito cuori, la luna e mongolfiere (per volare in alto), barche (per andare lontano), ecc.

Infine, grazie alla UIL di Novara e del VCO, si svolgerà il 1° evento camerese “Primi calci amatoriali contro la violenza sulle donne”, un progetto a cura della responsabile UIL Luisa Mauceri: una partita di calcetto e una catena umana da nord a sud Italia con uno slogan: “Uomini in campo! Abbiamo una partita da giocare: FERMARE LA VIOLENZA SULLE DONNE”, per creare una più solida attività di sensibilizzazione delle persone alla non violenza di genere. Quest’ultima iniziativa è dedicata a Manuela Bailo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati