Giovani Qui UPO

Studenti dell’UPO volontari all’Asinara

Una iniziativa di sensibilizzazione ai temi del rispetto dell'ambiente. Realizzeranno anche un cortometraggio

Un gruppo di studenti del corso di laurea in Promozione e Gestione del Turismo (Dipartimento di Studi per l’Economia e l’Impresa di Novara) sta partecipando in questi giorni, insieme ad altri volontari, al progetto “Insieme per l’Asinara”, in Sardegna.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo scopo dell’iniziativa è sensibilizzare la comunità giovanile ai temi del rispetto dell’ambiente e renderli consapevoli che il territorio non è solo il luogo in cui si vive, ma va considerato come una risorsa ben più ampia che deve essere rispettata e protetta.

Il gruppo di giovani volontari sta svolgendo attività lavorative e, al contempo, sta realizzando un cortometraggio per mettere l’aspetto di una natura in parte incontaminata, ma che ancora oggi lascia intravedere la presenza per molti anni del carcere e la mancanza di attenzione del bene paesaggistico.

Il progetto è promosso da Acta e Agenda Onlus, Associazione Culturale Asilo Bianco, con il supporto della Fondazione De Agostini, Coop e Sikkens.

Gli studenti UPO sono coordinati dalla professoressa Stefania Cerutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.