Scuola

Gli studenti novaresi alla National Sci-Tech Challenge 2019

Venti ragazzi dei licei scientifici ‘Antonelli’ e ‘Carlo Alberto’ di Novara e ‘Pascal’ di Romentino prenderanno parte, il 25 e 26 marzo a Roma, alla sfida nazionale di scienza e tecnologia. I vincitori rappresenteranno l’Italia al successivo step europeo di maggio a Bruxelles

Venti ragazzi dei licei scientifici ‘Antonelli’ e ‘Carlo Alberto’ di Novara e ‘Pascal’ di Romentino prenderanno parte, il 25 e 26 marzo a Roma, alla sfida nazionale di scienza e tecnologia. I vincitori rappresenteranno l’Italia alla successivo step europeo di maggio a BruxellesTre licei novaresi, con venti studenti, saranno presenti alla sfida nazionale di Roma della Sci-Tech Challenge (Science and Technology Challenge, ndr). L’appuntamento è a Roma il 25 e 26 marzo. L’iniziativa didattica, sviluppata da Esso Italiana società che detiene la partecipazione di maggioranza nella SARPOM di Trecate, è nata a livello europeo dalla collaborazione tra il gruppo ExxonMobil e Junior Achievement Europe, l’associazione no-profit leader per la promozione dell’economia nelle scuole primarie, secondarie di primo grado e superiori. L’obiettivo è quello di motivare i giovani studenti a considerare scienza, tecnologia, ingegneria e matematica come valide opzioni per il proprio percorso formativo e come solida base per una futura crescita professionale. Sci-Tech Challenge 2019 si svolge in Belgio, Italia, Paesi Bassi e Romania. Dal 2010 ad oggi vi hanno preso parte oltre 60.000 studenti e un migliaio di insegnati.

 

 

 

Alla sfida nazionale parteciperanno i licei scientifici ‘Alessandro Antonelli’ e ‘Carlo Alberto’ di Novara e il ‘Biagio Pascal’ di Romentino. La mission sarà quella di confrontarsi nell’elaborazione di un progetto in campo energetico sfidando altri cinque licei delle province di Napoli, Roma, Savona e Siracusa. Gli studenti novaresi si sono preparati con il contributo dei giovani ingegneri di SARPOM. «Promuovere la partecipazione di studenti del territorio novarese a iniziative didattiche di profilo internazionale – spiega Giuseppe Buonerba direttore della raffineria –  è per noi motivo di grande soddisfazione. Confidiamo che questo programma possa contribuire ad avvicinare i ragazzi, in linea con le proprie attitudini, alle materie scientifiche e alle tematiche energetiche che saranno una delle grandi sfide delle generazioni future».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,