Giovani Scuola
duecento prof

Duecento “prof” da tutta Italia a lezione contro il cyberbullismo

Novara si conferma avanguardia nella prevenzione e contrasto al fenomeno con la prima edizione di "presentazione ed approfondimento" sulla Piattaforma Elisa, in cui le parti giuridiche sono curate dall'avvocato novarese Anna Livia Pennetta

Duecento “prof” da tutta Italia a lezione contro il cyberbullismo. Novara si conferma avanguardia nella prevenzione e contrasto al fenomeno con la prima edizione di “presentazione ed approfondimento” sulla Piattaforma Elisa. Dopo la legge 71/17 a prima firma Elena Ferrara e la norma regionale promossa dal consigliere Domenico Rossi, la città della Cupola tiene a battesimo il progetto di formazione in e-learning degli insegnanti sulle strategie antibullismo voluto dal ministero dell’Istruzione. Peraltro la parte giuridica della Piattaforma Elisa è curata dall’avvocato novarese Anna Livia Pennetta, presidente dell’associazione Cammino e componente del CdA di Fondazione Carolina.

duecento profLo scorso 11 marzo oltre 200 tra docenti, dirigenti e referenti bullismo provinciali e regionali provenienti da sei Regioni del nord Italia, si sono riuniti al teatro Faraggiana per partecipare all’incontro, organizzato dall’Ufficio scolastico regionale del Piemonte. Durante l’evento le docenti Ersilia Menesini e Benedetta Palladino dell’Università di Firenze e l’avvocato Pennetta hanno presentato i diversi moduli della piattaforma evidenziando “la versatilità di uno strumento che, oltre a garantire la formazione permanente dei referenti scolastici previsti dalla legge 71/17, consente di condividere linee guida e buone prassi”, come hanno sottolineato Giuseppe Pierro in rappresentanza del Miur e il dirigente dell’USR Leonardo Filippone.

 

“Un’occasione – ha commentato Elena Ferrara, che ha moderato i lavori della giornata e che era stata insegnante di Carolina – per riunire anche le tante realtà del territorio, associazioni ed enti, che operano a diretto contatto con i ragazzi e ogni giorno si confrontano con problemi e opportunità correlate al web e fare rete con le istituzioni presenti a cominciare da Prefettura, Procura e Questura e considerando l’apporto che già oggi Asl, Nucleo di prossimità della polizia municipale e terzo settore stanno offrendo al sistema dell’istruzione”. Un modello di buone pratiche condiviso con Piattaforma Elisa che, con le 25 ore di corso a distanza, ha l’obiettivo di dotare scuole e i docenti di strumenti per intervenire efficacemente contro i bullismi e rappresenta un’efficace azione tra quelle messe in campo dal MIUR per l’attuazione della Legge 71/17 dedicata a Carolina Picchio, prima vittima acclarata di cyberbullismo.

Al momento i docenti iscritti alla piattaforma su tutto il territorio nazionale sono circa 3.500 rappresentanti 2.700 scuole, quasi un terzo delle scuole statali. Si è inoltre da poco avviato anche il coinvolgimento delle scuole paritarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati