Scuola Tempo libero

Bridge che passione, ieri i primi campionati studenteschi a Novara

Una trentina di studenti degli istituti 'Antonelli' e 'Bonfantini' si sono dati appuntamento ieri sul tavolo verde per le appassionanti sfide. Nel servizio l'elenco dei vincitori e la fotogallery della giornata

Questo slideshow richiede JavaScript.

Si sono svolti  ieri i primi campionati studenteschi provinciali di bridge della provincia di Novara. Trenta i ragazzi sui tavoli da gioco a contendersi il titolo di campione. Ai nastri di partenza gli studenti del liceo scientifico Alessandro Antonelli da una parte e quelli dell’I.I.S.  ‘G.Bonfantini’ dall’altra. I ragazzi hanno attivamente partecipato al progetto ‘Bridge a scuola’ tenuto dal coordinatore regionale, nonché istruttore della scuola bridge del Circolo Bridge di Novara, Riccardo Locatelli. Ad aggiudicarsi il titolo di campioni provinciali sono stati Giacomo Brigatti e Michele Milani dell’I.I.S Bonfantini con il 2° posto appannaggio di Giulio Cipollina e Emanuele Toniutti dell’Antonelli e il 3° in favore di Luca De Vecchi e Samuele Curti del Bonfantini nel settore maschile quindi il successo di Martina Galli  e Susanna Casetta (Bonfantini) davanti a Sabrina Busetti e Laura Lo Bianco (Antonelli) e Chiara Persico con Silvia Scienza (Bonfantini) in quello femminile. Nella categoria misto, infine, 1° posto per Matteo Bovio e Maria Chiara Bianchi, 2° per Carlotta Bergamaschi e Sebastian Recalde, 3° piazzamento per Giada Nalin e Lorenzo Schinelli.

 

 

Grande soddisfazione da parte di tutti gli intervenuti e delle docenti Anna Barbieri del Bonfantini e Giancarla Zizza dell’Antonelli promotrici dell’evento. “Il bridge – spiegano le organizzatrici – è un gioco di carte diffuso a livello mondiale ed è l’unico gioco a potersi fregiare del titolo di disciplina sportiva che si pratica in quattro giocatori a coppie contrapposte. Il gioco è composto di due fasi: la  dichiarazione e il gioco della carta vero e proprio. La dichiarazione termina con un contratto, vale a dire con l’impegno da parte di una delle due coppie di conseguire un determinato numero di prese. Le regole sono simili a quelli di altri giochi ‘a prese’, come per esempio il tresette o la briscola chiamata, con la particolarità che il giocatore che si è aggiudicato il contratto muove anche le carte del compagno (detto morto) che sono distese sul tavolo e visibili a tutti. Il bridge fornisce un miglioramento della socialità e della relazionalità, aiuta ad acquisire sicurezze comportamentali, migliora trasversalmente l’abilità di studio delle altre discipline poiché aiuta la concentrazione, l’autocontrollo, spinge chi lo pratica a formulare strategie e tattiche, a calcolare le probabilità. Tutti aspetti che ne fanno non solo un gioco unico e davvero affascinante ma anche palestra di vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati