Giovani

L’emozione dei giovani novaresi all’incontro con il Papa

Circa trecento ragazzi provenienti dalla Diocesi gaudenziana hanno vissuto sabato e domenica a Roma la grande festa voluta da Bergoglio nell'anno del Sinodo dedicato ai giovani. Erano quasi 70.000 tra il Circo Massimo e piazza San Pietro

Sono ormai sulla via del ritorno i trecento ragazzi novaresi che hanno partecipato ieri (sabato 11) e oggi (domenica 12 agosto) a Roma al grande incontro di Papa Francesco con i giovani provenienti da tutta Italia, nell’anno del Sinodo a loro dedicato.

Sono state 48 ore di grande intensità spirituale, oltre che di festa e di amicizia fraterna. Nelle tante foto postate sui social network, a cominciare dalla pagina del Servizio Dicoesano di pastorale giovanile, i volti, i sorrisi e gli sguardi descrivono meglio di ogni parola quanto è accaduto. «È stata – commenta don Marco Masoni, responsabile diocesano della pastorale giovanile (nella foto di copertina è il primo a sinistra del Papa, in piazza San PIetro insieme ad un gruppo di sacerdoti della Diocesi) – una grande emozione con il papa e i nostri giovani».

Ora si torna nelle parrocchie, dove già a fine agosto riprenderà il cammino quotidiano degli oratori e dei gruppi giovanili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.