Giovani Spettacolo & Eventi Tendenze
«Io, piccola giurata

«Io, piccola giurata, vi racconto il mio Giffoni»

Gloria Marongiu, 9 anni, reduce dall'ultima edizione del più famoso film festival d'Italia, dedicato ai ragazzi: «Un'esperienza bellissima: ho visto tanti film, partecipato a laboratori e trovato nuovi amici. Tornerò anche l'anno prossimo e lo consiglio davvero a tutti»

«Io, piccola giurata, vi racconto il mio Giffoni». C’era anche la novarese Gloria Marongiu fra i 5.600 giovani e giovanissimi giurati della 48′ edizione del Giffoni film festival.

«Io, piccola giurata«Otzi e il mistero del tempo mi è piaciuto molto, ma il mio film preferito è “Little miss Dolittle”, perché racconta la storia di questa ragazzina di 13 anni che sa parlare con gli animali e, con l’aiuto di un amico, salva gli animali dello zoo, che erano stati rapiti. Fra loro c’era l’elefante Ronni, a cui mi sono affezionata subito, perché aveva la mamma malata ed era rimasto solo». Nove anni, faccina curiosa e soprattutto con le idee ben chiare e al di fuori dei gusti della “massa”. La sua sezione, quella degli Elements +6, ha decretato vincitore il film ispirato alla mummia Otzi, ritrovata fra i ghiacciai e custodita al Museo archeologico di Bolzano. Ma nel cuore di Gloria sono stati gli animali e gli affetti familiari a fare breccia. «Di Otzi mi è piaciuto soprattutto incontrare il regista Gabriele Pignotta – racconta Gloria – Gli altri erano praticamente tutti stranieri e dovevamo affidarci alla traduttrice, invece a lui abbiamo potuto fare direttamente le domande: quanto tempo ci ha messo a girarlo, se gli attori si sono divertiti durante le riprese, ma soprattutto come gli è venuto in mente di far risvegliare la mummia e di spostare la storia a Dublino».
Ma il Giffoni, una vera e propria istituzione fra i ragazzi, non è solo cinema. «Ho partecipato a due laboratori: uno con Telefono azzurro, l’altro con la guardia di finanza – continua Gloria – Nel secondo ci hanno fatto vedere un video e ci hanno lasciato un libretto, che io ho già letto tutto, in cui ci ricordano di fare sempre le cose in sicurezza. Anche con Telefono azzurro abbiamo parlato di sicurezza, ma in particolare su internet. Ad esempio, se entri in una chat cosa fai? Devi chiedere come ti chiami, quanti anni hai e se non sei sicuro dell’identità della persona, devi chiedere un incontro per capire chi è davvero, a cui vai con i tuoi genitori. Io uso già un po’ internet e mi è sembrato molto utile».

Qual è il ricordo più bello di questa esperienza?
«Gli incontri con i registi e quando abbiamo ballato con le presentatrici. Ora mi restano il badge da giurata e la maglietta – risponde senza esitare – Io ero sempre con mio cugino Luigi (che abita lì in zona), che si portava sempre dietro un amico; poi dopo qualche giorno è arrivata la sua compagna di scuola Serena e siamo diventate molto amiche. L’unico dispiacere è di non essere riuscita a vedere lo spettacolo di Benji&Fede, perché ero a una proiezione. Comunque ho già deciso che ci tornerò l’anno prossimo, perché è stato davvero bellissimo! E’ un’esperienza che consiglio a tutti».

Durante la manifestazione Gloria era accompagnata da nonna Anna e negli ultimi giorni le ha raggiunte anche mamma Elena: «E’ una manifestazione meravigliosa anche per gli adulti – commentano – Ci sono moltissime prime cinematografiche: ad esempio abbiamo visto “Zoo” (pellicola irlandese che ha vinto nella sezione Elements +10, ndr) che era davvero bellissimo. E’ tutto organizzato molto bene e ci sono ragazzi un po’ da tutto il mondo, concerti, spettacoli comici e circensi che intrattengono ogni sera fino a mezzanotte. Il tutto in una cittadella che è completamente dedicata ai ragazzi. Ed è molto positivo anche il fatto che le pellicole vengano targetizzate: a seconda dei temi che trattano vengono proiettate alle giurie, che sono suddivise per fasce d’età».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.