Giovani

I giovani, protagonisti del cambiamento della città

Una tre giorni promossa da Sermais - Socetà civile responsabile alla ex Caserma Passalacqua con dibattiti e confronti

C’è uno “specifico giovanile” nei fenomeni di trasformazione delle realtà urbane? Come possono le generazioni giovani essere fattori di cambiamento e di progresso nelle società contemporanee? Sono solo alcuni degli interrogativi che stanno alla base di , ”Educazione sub_urbana”, una tre giorni in programma a partire da questa sera alla ex caserma Passalacqua. Il format è organizzata da Sermais – Società civile e responsabile in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Novara.

<<Si tratta – spiegano i responsabili di Sermais – di un percorso di riflessione su quali siano oggi i luoghi delle nostre città in grado di praticare trasformazioni sociali inclusive e sostenibili, stimolando l’attivazione dei giovani e innescando politiche partecipative di coinvolgimento della cittadinanza>>.

Il programma è articolato su tre giornate. Si comincia questa sera alle 18,30 con un confronto sul tema “Dalla militanza all’attivismo. La sfida dell’attivazione giovanile nelle città” con la partecipazione di Stefano Laffi di Codici Ricerca e Intervento e di Davide Mattiello, presidente della Fondazione Benvenuti In Italia

 

Domani, sabato 24, tre appuntamenti. Alle 9  Ryan Jessie Coretta di Libera Novara,  Davide Tamagnini di Sermais. Società Civile Responsabile e il professor Sergio Tramma, docente del’università di Milano Bicocca si confronteranno sul tema  “Se non è politica che educazione è? Strumenti e metodi per una pedagogia civile”.

Nel pomeriggio alle 15 è in programma una tavola rotonda dal titolo “Le città che trasformiamo. La rigenerazione urbana come sfida educativa”, a cui parteciperanno  Mattia Anzaldi di Sermais. Società Civile Responsabile,  Paolo Cottino di KCity – Rigenerazione Urbana, il sindaco di Novata Alessandro Canelli, Federica Verona di SUPER Il festival delle periferie a Milano, Massimiliano Ferrè del We Do Fablab e Davide Ricordi, educatore professionale del Comune di Novara
Alle 18.30 un faccia a faccia su “La rivoluzione del pianerottolo. Il social housing e l’educazione alla convivenza” con  Chiara Gambarana di HousingLab e Isabella Spezzano di ACMOS
In serata alle 21 concerto jazz in collaborazione con NovaraJazz

Domenica mattina ultimo tassello del mosaico con un focus sul tema “Dalle carceri agli spazi sociali. Al lavoro tra percorsi innovativi di rieducazione” a cui parteciperano  Giuseppe Passalacqua di Sermais. Società Civile Responsabile, Salvatore Inguì di Libera Contro le Mafie, Marco Maccarrone di ACMOS e Marco Girardello della cooperativa Divieto di sosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,