Giovani Tendenze

Fadabrav, la falegnameria che sperimenta il social street

Un progetto educativo e innovativo dei servizi sociale del comune di Novara che coniuga il lavoro di comunità con il coinvolgimento delle realtà del quartiere. Sabato 15 settembre il cortile della falegnameria ospiterà l'anteprima del festival "Fuori di Coccia"

C’è un posto a Sant’Agabio dove ragazzi di ogni età sono parte di un progetto educativo e innovativo che coniuga il lavoro di comunità con il coinvolgimento delle realtà del quartiere e della città mettendo in atto le pratiche del social street.

Un’esperienza di rigenerazione civica e urbana che Fadabrav, la falegnameria sociale, mette in atto sperimentando, educando e condividendo in un percorso ben delineato ma pronto alle sfide quotidiane. «In uno spazio che era già parzialmente in uso come presidio educativo – spiega Davide Ricordi, educatore dei servizi sociali del comune di Novara  – abbiamo dato vita a una sede di coprogettazione tra pubblico e privato dove i giovani segnalati ai servizi sociali insieme agli educatori e ai ragazzi delle associazioni Sermais, Sincronie e Housing Lab svologono attività condivise con il coinvolgimento anche di esterni. Il legno diventa, così, un pretesto per fare squadra in un ecosistema di collaborazione spontanea, un veicolo per lo sviluppo di “idea di comunità” con molta naturalezza e attraverso la partecipazione a situazioni normalizzanti».

Una buona occasione per visitare la falegnameria sarà offerta sabato 15 settembre quando nel cortile di Fadabrav sarà ospitata l’anteprima del festival “Fuori di Coccia” dedicato a maestri di cappella : «Al teatro – prosegue Ricordi  – serviva uno spazio underground e noi ci siamo resi disponibili. Un’opportunità per far diventare la falegnameria un vero e proprio agorà giocando sui contrasti: la musica sacra eseguita in uno spazio “trasgressivo”».

Il concerto avrà inizio alle 20.45,  ma già dal mattino il pubblico potrà assistere alla realizzazione delle opere di due artisti: il writer novarese Graziano Cascone che alla falegnameria ha tenuto alcuni laboratori, e il decoratore di strumenti musicali Guglielmo Gasloli il quale trasformerà un violoncello in un progetto educativo che richiama la figura di Pinocchio.

L’ingresso all’intera giornata, che rientra nei festeggiamenti del quartiere Sant’Agabio, è gratuito; tutte le attività possono essere seguite sulla pagina facebook di Fadabrav  – la falegnameria sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati