Eventi&Cultura Pagine

Fabio Volo fa il tutto esaurito con il pubblico novarese

Ieri sera al castello visconte sforzesco quattrocento persone accorse per ascoltarlo e strappargli un selfie. L'occasione, nell'ambito di "Scrittori&Giovani", era la presentazione del suo ultimo libro “Una gran voglia di vivere”

Criticato da molti, mal sopportato da altrettanti perchè non considerato un vero scrittore, sta di fatto che Fabio Volo, al decimo libro con milioni di copie vendute, riempie le sale e piace al pubblico. E l’incontro di ieri sera al castello di Novara, nell’ambito di “Scrittori&Giovani” non è stato da meno con oltre quattrocento persone accorse per ascoltarlo e strappargli un selfie.

 

 

Sul palco, vicino ad Alessandro Barbaglia, ha subito ironizzato su Novara «come Novara? In viaggio ho dormito, mi hanno detto che stavamo andando a Torino» poi ha parlato di analfabetismo del sentimento, mancanza di arti emotivi, frustrazione, complessità della donna e semplicità dell’uomo, complicazione delle cose e dei loro contrari raccontando il suo ultimo libro “Una gran voglia di vivere”. E ha riflettuto sul concetto di scelta: «Quando hai l’opportunità di scegliere, devi anche avere la consapevolezza della responsabilità». Infine ha confessato di aver inserito nel libro alcune delle frasi pronunciate dai suoi figli «per le quali sono rimasto dubbioso fino all’ultimo perchè non sembrano credibili, ci credi solo se hai dei figli piccoli e sai come funzionano».

Volo ha poi richiamato dal pubblico una novarese con la quale aveva parlato al telefono durante il suo programma radiofonico  e che gli aveva promesso di partecipare all’incontro: «Durante la trasmissione – racconta a La Voce Antonella Bobbio, a margine della serata – chiedevano di parlare di rimorsi e rimpianti. Sull’onda della creatività, ho inviato una mail ironica con il mio rimpianto che poi è quello di non essermi iscritta alla scuola di giornalismo, nonostante abbia continuato a scrivere. Loro mi hanno chiamata e così ho parlato in diretta con lui che mi ha detto “quando vengo a Novara ti faccio salire sul palco”». E così è stato.

Perchè, al di là delle critiche o degli apprezzamenti, Fabio Volo è una persona che fa colore e fa bene avere intorno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati