Economia

Demografia delle imprese in flessione nel primo semestre 2019

Si è chiuso all’insegna di una leggera flessione il bilancio demografico delle imprese novaresi nel primo semestre 2019: la variazione tra iscrizioni e cessazioni avvenute nel periodo gennaio-giugno si attesta al -0,4% con una perdita di 134 unità

Si è chiuso all’insegna di una leggera flessione il bilancio demografico delle imprese novaresi nel primo semestre 2019: la variazione tra iscrizioni e cessazioni avvenute nel periodo gennaio-giugno si attesta al -0,4% (era il -0,1% nello stesso periodo del 2018), corrispondente ad una diminuzione, in valori assoluti, di centotrentaquattro unità.

«Il 2019 si apre con una leggera contrazione del nostro tessuto produttivo – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara – Se da un lato occorre considerare che nei primi mesi dell’anno si registra una concentrazione fisiologica delle chiusure d’impresa, dall’altro l’analisi dei dati restituisce un tasso di mortalità superiore a quello registrato nello stesso periodo degli anni precedenti. La propensione ad aprire nuove attive imprenditoriali risente del clima di incertezza che caratterizza lo scenario economico: in 7 casi su 10 l’avvio di nuove attività è riconducibile a ditte individuali, scelte spesso per la maggior facilità di avvio, ma soggette anche ad un rapido turnover».

 

 

 

Il rilancio dell’economia passa necessariamente dal sostegno alle sue cellule vitali, ossia le imprese. «Proprio per questo – sottolinea Comoli – l’Ente camerale ha deciso di estendere al 21 ottobre i termini di adesione ai propri bandi di contributo dedicati a digitalizzazione e alternanza scuola-lavoro e nel mese di settembre avvierà, grazie alla sua azienda Speciale Evaet, una serie di incontri di formazione gratuiti sul tema dell’internazionalizzazione».

Nel quadro generale sono 1.058 le aziende iscritte al registro delle imprese nei primi sei mesi dell’anno, mentre 1.199 hanno cessato la propria attività (al netto delle cessazioni d’ufficio), con una consistenza del sistema imprenditoriale novarese che al 30 giugno 2019 ammonta a 30.053 unità registrate. In flessione anche l’andamento dell’artigianato (-78 unità) per una consistenza del tessuto produttivo artigiano che alla fine di giugno si attesta a 9.192 imprese registrate. Il terziario (escluso il commercio) si pone invece in controtendenza chiudendo i primi sei mesi dell’anno con un incremento pari a +72 unità mentre diminuiscono commercio (-75 unità), attività manifatturiere (-49 unità), costruzioni (-42 unità) e agricoltura (-9 unità).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,