Economia Famiglia

A Novara affittare una casa costa un po’ meno di 12 mesi fa

Il costo medio richiesto è di 7,28 euro a metro quadro. La diminuzione dell'1,2 % rispetto al 2017 è in controtendenza rispetto al dato nazionale

Affittare una casa a Novara costa un po’ meno di dodici mesi fa.  Secondo i dati raccolti ed elaborati da Immobiliare.it, uno dei più noti portali dedicati al mercato immobiliare nel mese di ottobre 2018 per gli immobili residenziali in affitto sono stati richiesti in media € 7,28 mensili a metro quadro, con una diminuzione del 1,20% rispetto a ottobre 2017, quando il costo medio si attestava a quota € 7,37 mensili per mq). Negli ultimi 2 anni, nei quai non ci sono stati scostamenti particolarmente sensibili, il valore più alto  è stato di € 7,38 mensili al metro quadro, rilevato nel mese di luglio 2017. Il mese in cui è stato richiesto il prezzo minimo è dicembre 2016: per un immobile in affitto sono stati richiesti in media € 7,06 al mese per metro quadrato.

Il dato novarese risulta in controtendenza rispetto all’andamento medio nazionale, che, secondo le statistiche elaborati da un altro portale on line, Solo Affitti,  prosegue, per il quarto anno consecutivo in una risalita (+3,1%) verso i livelli pre-crisi di 10 anni fa,

 

«Nel giro di un paio d’anni – afferma Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti – i canoni d’affitto potrebbero anche superare i livelli del 2009 quando è cominciata la crisi. L’incremento della domanda è favorito da una società sempre ‘più liquida’. Aumentano le giovani coppie conviventi, così come divorzi e separazioni. La mobilità lavorativa contraddistingue sempre di più il nostro Paese, con trasferte di medio-lungo periodo verso le principali città. Gli stranieri cercano soprattutto soluzioni in affitto, rinviando al futuro l’eventuale acquisto dell’immobile».

Quanto alla situazione nei principali capoluoghi italiani, Bologna e Milano crescono a doppia cifra, con un aumenti rispettivamente  del +10,9% e  del +10,2%, ma anche le altre grandi città registrano tassi di crescita superiori alla media: Roma (+7,7%), Venezia (+6,1%), Firenze (+5,1%) e Torino (+4%). In queste città il mercato delle locazioni è più vivace grazie alla domanda dei lavoratori in trasferta e degli studenti universitari. I canoni medi sono aumentati anche a Potenza (+8,2%), Ancona (+4,8%), Campobasso (+4,3%), Palermo (+4,1%), Catanzaro (+4,0%), Trento (+3,2%) e Aosta (+2,8%). Dopo gli incrementi a doppia cifra dello scorso anno, quest’anno arretrano Genova (-8,4%) Bari (-6,9%), e Cagliari (-3,8%). Nel 2018 i prezzi dell’affitto sono diminuiti olre che a Novara, anche a Trieste (-5,4%), mentre sono in linea con i valori dell’anno scorso Napoli (-0,3%) e Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati