Economia

Rifiuti, ok di Cnvv allo sblocco delle autorizzazioni per riciclo e recupero

Anche Confidustria Novara Vercelli Valsesia aderisce all’appello a Governo e Parlamento per lo sblocco delle autorizzazioni per le attività di riciclo e di recupero. Il presidente Gianni Filippa: «Le attività di riciclo e di recupero dei rifiuti sono imprescindibili per tutelare l’ambiente, la salute dei cittadini e la competitività delle nostre imprese»

Anche Confidustria Novara Vercelli Valsesia aderisce all’appello a Governo e Parlamento per lo sblocco delle autorizzazioni per le attività di riciclo e di recupero. Un appello lanciato da 56 organizzazioni di rappresentanza del mondo imprenditoriale di tutta Italia, tra cui Confindustria e il Circular Economy Network, per denunciare le pesanti ricadute sull’ambiente, sulla salute dei cittadini e sui costi di gestione dei rifiuti per famiglie e imprese, della sentenza del Consiglio di Stato del 28 febbraio 2018 che, stabilendo che le Regioni non possono rilasciare le relative autorizzazioni in assenza di una norma statale che lo preveda espressamente, ha di fatto ‘paralizzato’ le operazioni di riciclo e di recupero dei rifiuti, industriali e urbani. Le imprese e le associazioni hanno richiesto con forza di recepire il pacchetto di direttive Ue in materia di economia circolare pubblicato a giugno 2018, per garantire una gestione sicura ed efficiente dei rifiuti e porre fine auna situazione che sta diventando una vera e propria emergenza.

 

 

 

«Le attività di riciclo e di recupero dei rifiuti – commenta il presidente di Cnvv Gianni Filippa –sono imprescindibili per tutelare l’ambiente, la salute dei cittadini e la competitività delle nostre imprese e devono tornare ad avere un ruolo centrale. Quando parliamo di riciclo e di recupero dei rifiuti parliamo di economia circolare, di uso efficiente delle risorse naturali, di de-carbonizzazione, di nuove opportunità di investimento, di creazione di posti di lavoro e di innalzamento dei livelli di benessere per la nostra società. L’Italia può guardare con fiducia a questi obiettivi, perché vanta un tessuto produttivo che ha nel suo Dna l’economia circolare, ma la politica deve assecondare questa vocazione, non bloccarla con cavilli burocratici».

 

«Da un anno e mezzo – aggiunge il direttore di Cnvv Aureliano Curini– ambiente, cittadini e imprese stanno facendo le spese di un conflitto giuridico di competenze tra Stato e Regioni; per effetto di questo contenzioso si sono bloccate le autorizzazioni e i nostri rifiuti stanno finendo sempre di più nelle discariche, i cui spazi si esauriscono rapidamente, o peggio ancora all’estero, con costi esorbitanti anche se poco noti. Si stima che il sovra-costo sulla tassa rifiuti e sul rincaro dei prodotti si aggiri attorno ai due miliardi di euro all’anno. Basterebbe una semplice norma che ripristini la possibilità di rilasciare le autorizzazioni alle attività di riciclo sul territorio per evitare questo aggravio».

 

«L’appello lanciato dal mondo imprenditoriale – conclude Filippa – si rivolge non solo alle istituzioni ma anche ai cittadini. Se le operazioni di riciclo non vengono rapidamente sbloccate, la crisi che già colpisce la gestione dei rifiuti, urbani e speciali, si aggraverà e porterà a situazioni critiche in molte città. La soluzione per porre fine a questa emergenza è già stata indicata dall’Europa con il pacchetto di Direttive in materia di economia circolare del giugno 2018, in cui si prevede che le autorizzazioni vadano concesse caso per caso dalle amministrazioni competenti. Chiediamo di recepire con urgenza queste norme per garantire una gestione sicura ed efficiente dei rifiuti e affrontare in modo adeguato le importanti sfide, economiche e ambientali, che ci stanno davanti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,