Economia

«Grazie a Enaip sono tornata a vivere»

La storia di Alessandra Cesarano che, ottenuta la qualifica di OSS all’istituto novarese, si è riscattata trovando un nuovo lavoro. Ora è pronta a ricominciare una nuova vita

Ogni giorno il solito refrain. Cieco e sordo a ogni richiesta. A 50 anni ti dicono che sei vecchio, costi troppo e non hai esperienza. O se ce l’hai ormai non conta più nulla perché tutto è cambiato. Così trovare un nuovo lavoro diventa difficile, quasi impossibile e si entra in una spirale depressiva che mette in discussione tutto, soprattutto se stessi. Ma è nei momenti più bui che si può vedere anche la più piccola delle luci e trovare una forza inaspettata.

 

 

 

Come è successo  ad Alessandra Cesarano che questa forza la trova in un ricordo, in una frase che sua zia le disse a 14 anni, quando dopo le medie avrebbe dovuto scegliere la scuola superiore: «Fai l’infermiera, sei portata». Alessandra, però, non ascolta. Prima è commessa in un negozio di abbigliamento, poi cassiera in un negozio di elettrodomestici dove resta per 27 anni. Di pazienti e ospedali non vuol neppur sentirne parlare.

«Ero felice del mio lavoro, mi piaceva il rapporto coi clienti – racconta – ma nel 2015 arriva la crisi e il negozio a Novara chiude. Vado in cassa integrazione per tre mesi, poi mi trasferiscono a Rho e poi ancora a Milano, fino al fallimento nel 2018. Io, stremata da viaggio, orari e situazione me ne vado prima e divento a tutti gli effetti disoccupata». Nel mondo di chi non conta più niente. «Comincio a mandare CV, nessuno risponde. Sento di non valere più nulla, di essere inutile, anzi un peso. A casa uno stipendio non basta. Cado in depressione”.

Ma qualcosa cambia all’improvviso, perché a ottobre del 2018 Alessandra riceve una proposta di lavoro dalla RSA ‘Sentiero d’Argento’ di Sozzago, come ausiliaria delle pulizie, in sostituzione malattia.

Accetta e in quei giorni scopre il lavoro dell’OSS che fanno le sue colleghe. Capisce che è ciò che vorrebbe fare, prendersi cura delle persone anziane, dare e ricevere, quello che al momento le manca. Si pre-iscrive al corso OSS di EnAIP Novara, passa le selezioni e a dicembre inizia le lezioni. «Da qual giorno è iniziata la mia nuova vita- dice- nonostante la paura di non riuscire più a studiare, di ricominciare tutto d’accapo. Ho trovato compagni con cui ho condiviso ore, giorni, difficoltà e successi, ma soprattutto ho avuto docenti che mi hanno sostenuta, motivata e rinforzata sia a livello relazionale che professionale. Questo corso è stato un percorso di introspezione, che mi ha ridato autostima e forza. Un percorso che consiglio a tutti per la serietà e la disponibilità che mi sono state dimostrate».

Oggi Alessandra, con la qualifica di OSS, ha già in mano un contratto di assunzione a tempo indeterminato che le ha proposto la RSA-Sentiero d’Argento di Sozzago, dove ha fatto uno stage eccellente. «È una rinascita, un riscatto. Il frutto del mio impegno, della mia tenacia, della mia crescita, del supporto dell persone della mia famiglia. Anche di quelle che non sono più qui ma che sento vicine ogni giorno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,