Economia

Giovani imprenditori, buona la prima del corso di formazione manageriale

Buoni riscontri al primo di tre incontri, dedicato al tema della ‘Conoscenza di sé’, coi docenti Luca Xodo psicologo clinico e trainer in ambito aziendale e universitario, e Monica Ghirelli esperta nello sviluppo di nuovi business e nella consulenza sulle risorse umane. Il successivo step è in programma a fine settembre

«Un incontro molto interessante, durante il quale ci siamo tutti messi in gioco in prima persona, singolarmente e in gruppo, ottenendo risultati a volte sorprendenti ma decisamente molto utili, sia per migliorare la consapevolezza di noi stessi sia per applicare quanto appreso nell’ambito delle nostre attività professionali». Con queste parole Federica Zappone, presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Novara Vercelli Valsesia (Cnvv), commenta quanto avvenuto durante la prima sessione, svoltasi nei giorni scorsi, del corso di formazione manageriale organizzato in collaborazione con l’agenzia “T&D – Training & Development” per approfondire alcuni aspetti fondamentali dell’attività quotidiana di chi fa impresa.

 

 

 

Un incontro, dedicato al tema della ‘Conoscenza di sé’, coi docenti Luca Xodo, psicologo clinico e trainer in ambito aziendale e universitario, e Monica Ghirelli, esperta nello sviluppo di nuovi business e nella consulenza sulle risorse umane. I relatori hanno affrontato argomenti quali ‘Che tipo sei?’, ‘Lo stile personale nella comunicazione’, ‘Analisi e progettualità’, ‘Presa di decisione’, ‘Cambiamento’, ‘Perché la diversità in azienda è un vantaggio’, utilizzando come punto di partenza il risultato del test di personalità ‘MBTI’ (Myers-Briggs Type Indicator) che, basandosi sulla teoria dei tipi psicologici di Carl Gustav Jung, individua 16 profili sulla base di quattro differenti macroaree per schematizzare le modalità comportamentali con cui ciascuno di noi si rapporta con gli altri e con il mondo esterno.

«Dopo l’analisi di tutti gli step che compongono il test – spiega Margherita Negri, che all’interno del Gruppo Giovani ha la delega alla comunicazione – si è focalizzata l’attenzione, attraverso attività pratiche, lavori di gruppo e giochi di ruolo, sulla conoscenza e sulla percezione che abbiamo di noi stessi, facendo emergere caratteristiche inaspettate o confermando le aspettative di ciascuno. È stato importante comprendere i meccanismi che possono involontariamente influenzare le nostre risposte e sperimentare in modo diretto quanto il confronto con altre persone consenta l’emergere di nuovi aspetti della propria personalità e modifichi il nostro modo di agire e pensare».

I prossimi due incontri, uno in programma tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre e l’altro con data ancora da stabilire, saranno riservati, rispettivamente, all’approfondimento di due importanti ‘leve manageriali’: il conflitto e la negoziazione. Una quarta sessione, ancora in fase di progettazione, potrebbe essere dedicata a una sperimentazione pratica in ambito informatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati