Economia, Impresa & Lavoro

Un novarese nel Gruppo Giovani Imprenditori Confcommercio

Andrea Carson è stato eletto nel Consiglio Direttivo Nazionale. Dopo oltre un decennio, il Piemonte e Novara tornano a essere rappresentati a livello nazionale

Nell’Assemblea del 31 maggio che si è tenuta a Roma il novarese Andrea Carson è stato eletto nel Consiglio Direttivo Nazionale del Gruppo Giovani Imprenditori Confcommercio.

Dopo oltre un decennio, il Piemonte e Novara tornano a essere rappresentati a livello nazionale.

Classe 1989, Andrea dopo il liceo si laurea in  architettura e opera come formatore e come imprenditore nel settore dell’innovazione e della valorizzazione di immobili storici.

Dal 2015 è impegnato anche nell’attività associativa come presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Alto Piemonte: «Non posso che ringraziare il gruppo nazionale per la fiducia -osserva-. Essere eletto è un grande onore e sono orgoglioso di rappresentare l’Alto Piemonte in Consiglio, sotto la guida del nostro nuovo presidente nazionale Andrea Colzani. Dopo l’ottimo lavoro svolto negli ultimi anni da Alessandro Micheli, presidente uscente, proseguiremo nell’impegno di aiutare le imprese a crescere, a fare rete nei nostri territori, a sviluppare nuovi percorsi e ad approfondire i temi dell’innovazione del fare impresa, così da rendere la nostra realtà un portale di ingresso per una nuova classe di imprenditori».

  1. Samantha Spaggiari

    Bravo Andrea! Non ti conosco, ma se hai preso dai tuoi genitori sei la persona giusta per un incarico di responsabilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.