Economia, Impresa & Lavoro

Scalo del Boschetto, il ritorno?

Il sindaco e il presidente del Cim, dopo un sopralluogo all'area "storica" dell'interscambio merci, ne rilanciano a sorpresa il "recupero e il potenziamento"

Chi ha una frequentazione delle vicende amministrative che risalga almeno a qualche anno fa, non può non ricordare lo storico dibattito sulla collocazione delle aree di sviluppo della logistica. Un dibattito annoso, che ha contrapposto lungamente i fautori dello sviluppo a Est, nell’area storica del Boschetto, ai sostenitori della creazione di un secondo polo ad Ovest, nell’area di Agognate.

1Il tema torna prepotentemente di attualità, un po’ a sorpresa, grazie ad una sintetica nota stampa congiunta di Comune e Cim  che dà conto di un sopralluogo effettuato nella giornata di ieri, martedì 8 maggio, dal Sindaco di Novara, Alessandro Canelli, e dal Presidente di CIM SpA, Daniele Barbone, proprio al Boschetto.

<<La valutazione sulle prospettive di quest’importante area di Novara – dichiara infatti il Sindaco Canelli –  non può prescindere dall’ascolto delle imprese che vi operano e che rappresentano un’opportunità per la nostra Città in termini di occupazione e indotto: realtà eccellenti e innovative nel settore, quello della movimentazione e della logistica avanzata, per il quale Novara presenta una naturale vocazione; con un’infrastruttura di qualità – prosegue Canelli – siamo in grado di attrarre logistica di valore e, di conseguenza, creare posti di lavoro di valore: un modello in cui crediamo fortemente e che intendiamo portare avanti, in una logica di sostenibilità economica e ambientale>>.

Il presidente Barbone sottolinea che «va in questa direzione l’intenzione di investire nel recupero e potenziamento dello scalo Boschetto al fine di adeguarlo agli standard europei, un intervento che favorirebbe lo sviluppo, minimizzando il consumo di suolo, e stimolerebbe la riqualificazione del territorio e il riutilizzo di aree dismesse. Il costante confronto con le realtà già attive nell’area costituisce la premessa per poter rispondere al meglio alle nuove esigenze e alla domanda di servizi che emerge dalle imprese».

Si torna a parlare quindi, di uno sviluppo dell’area del Boschetto come potenziale polo di crescita. Una proposta che certamente sarà oggetto di attenzione e di dibattito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati