Economia, Impresa & Lavoro

Quinta “medaglia d’oro” per il sistema-imprese del novarese

Più 125: è il saldo tra imprese nate e cessate nel 2017. Per il quinto anno consecutivo la performance dell'economia novarese è la migliore in Piemonte

Oltre cento aziende in più (precisamente 125): è questo, +0,45%, il saldo tra le aziende che nel corso del 2017 hanno aperto i battenti (1916) e quelle che hanno chiuso (1791) in provincia di Novara.
«Per il quinto anno consecutivo la performance novarese risulta la migliore a livello regionale – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di commercio di Novara – Anche nel 2017 l’andamento demografico di tutte le province piemontesi evidenzia infatti delle flessioni, con l’unica eccezione di Torino, il cui risultato appare improntato alla stabilità, e di Novara appunto. Sebbene la tenuta del nostro sistema produttivo risulti ancora eterogenea a livello settoriale, si riscontrano segnali di miglioramento rispetto al passato, in particolare per le costruzioni, il cui saldo è tornato finalmente positivo, dopo una serie ininterrotta di flessioni che si susseguivano dal 2010».
Complessivamente, il sistema produttivo novarese è costituito da oltre 30.500 imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.