Economia, Impresa & Lavoro

Per non morire di saldi (che partono sabato)

Dal 7 luglio via libera alle vendite a prezzi ribassati a Novara e in tutto il Piemonte. Le attese dei commercianti e qualche suggerimento da Federconsumatori per cogliere le occasioni senza correre rischi

Anche se già da qualche giorno sono partite, con varie denominazioni, una serie di vendite promozionali, la “campanella” suona per Novara e per tutto il Piemonte da sabato 7 luglio.

Scatterà infatti nel prossimo week end il via libera alle vendite di fine stagione, secondo il calendario fissato dalla Regione. I saldi potranno durare per un massimo di 8 settimane, anche non continuative. 

Parte quindi il grande rito collettivo che continua a mantenere un certo appeal sui consumatori, anche se il grande sviluppo delle vendite on line ne ha attenuato l’impatto dal punto di vista economico.

Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia italiana spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo poco meno di 230 euro, per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro.
Il presidente di Federmoda Alto Piemonte, Andrea Ferri, commenta “dopo una stagione primavera/estate non proprio esaltante dal punto di vista dei consumi di abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori e articoli sportivi c’è attesa per questi saldi estivi che rappresentano un banco di prova per il dettaglio moda multibrand. I saldi continuano a essere appetibili per i consumatori, nonostante un contesto di concorrenza globale, o meglio di ‘dittatura digitale’, capace di condizionare tutto, dalla filiera produttiva al modo delle persone di consumare e relazionarsi. La Federazione nazionale ha chiesto l’introduzione della web tax perché i colossi del web devono stare nello stesso mercato con le stesse regole e con le stesse imposte delle nostre attività”.

Se nel periodo dei saldi è facile riuscire a realizzare ottimi affari, resta sempre opportuno muoversi con qualche cautela, per evitare le più classiche “fregature”

«Ecco – dice Giorgio Albertinale, responsabile novarese di Federconsumatori – i nostri consigli per approfittare dei saldi senza correre rischi. Il primo suggerimento è quello di essere consumatori attenti e documentati: è bene verificare prima dell’avvio dei saldi il prezzo dei prodotti che interessano per potere fare gli opportuni confronti e le valutazioni sulla reale convenienza dello sconto praticato sul prodotto; così come è utile confrontare e valutare le offerte di diversi punti vendita».

«Quando si entra in un negozio – aggiunge – per acquistare in tempo di saldi, è importante controllare il cartellino esposto che deve obbligatoriamente riportare in maniera leggibile ed evidente sia il vecchio prezzo che quello nuovo oltre alla percentuale di sconto praticato».

«La merce in saldo – prosegue Albertinale –  deve riguardare la stagione in corso. Prodotti differenti di precedenti stagioni debbono essere messi in vendita in maniera separata.  È buona norma provare in negozio i capi che si intendono acquistare; non vi è obbligo in proposito ma è chiaro che è meglio diffidare di negozi che negano la prova del capo.  Il cambio del prodotto acquistato non è obbligatorio da parte del commerciante ma lasciato a sua discrezione. In ogni caso è bene sempre conservare sempre lo scontrino come prova di acquisto, essenziale in caso di merce fallata o non conforme. In questi ultimi casi, infatti, scatta l’obbligo di sostituzione o di restituzione della somma spesa da parte di chi vende. Ricordiamo anche che il commerciante ha l’obbligo di accettare il pagamento a mezzo bancomat o carta di credito per importi superiori a 30 euro».

«Il nostro sportello Federconsumatori  – conclude Albertinale – che si trova presso la Camera del Lavoro in via Mameli 7 a Novara – è a disposizione per ogni chiarimento o problema».

In ogni caso, per segnalare problemi o eventuali irregolarità, i consumatori possono rivolgersi  alla Polizia Locale o al servizio Commercio del Comune di Novara .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Consigliati