Economia, Impresa & Lavoro

Comoli: «Troppo pochi i contratti di apprendistato»

Domani, giovedì 24 maggio, un workshop della Camera di Commercio per approfondire l'uso di uno strumento ancora poco conosciuto

«L’apprendistato? Per la maggior parte delle imprese, specie quelle piccole e medie, anche sul nostro territorio, è uni strumento poco conosciuto e poco utilizzato».

Per il presidente della Camera di Commercio di Novara, Maurizio Comoli, probabilmente è «la complessità delle procedure che regolamentano l’apprendistato e la loro continua evoluzione a
scoraggiare l’utilizzo di questo strumento, soprattutto da parte delle piccole e medie imprese, che spesso non dispongono di strutture e risorse interne dedicate».

Proprio per dare una mano alle piccole e medie imprese nella valutazione sul’uso del contratto di apprendistato, l’ente camerale novarese ha collaborato con Unioncamere Piemonte e Regione Piemonte all’organizzazione per il pomeriggio di domani, di un workshop pensato per imprese, istituzioni e stakeholder locali.
Ad aprire l’incontro sarà il presidente dell’Ente camerale Maurizio Comoli; seguirà
l’intervento di Pietro Viotti di Regione Piemonte, il quale definirà un quadro sulla diffusione del contratto di apprendistato a livello regionale, mentre Giovanna Gorini di ANPAL illustrerà i servizi per le imprese messi a disposizione dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro. Roberto Strocco di Unioncamere Piemonte parlerà inoltre delle azioni e degli strumenti di informazione realizzati nell’ambito di AlpTis, il progetto di UnioncamerePiemonte e Camera regionale dell’Auvergne-Rhone-Alpes finanziato dal Programma Europeo Erasmus+ in materia di apprendistato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Sempre più Fairtrade

Sempre più Fairtrade

Roma, 31 mag. (AdnKronos) – Sempre più commercio equo: nel 2017 i consumatori italiani hanno speso 130 milioni di euro