Economia, Impresa & Lavoro

Acqua, verso la diminuzione dei costi della bolletta

Presentati i dati di bilancio di Acqua Novara Vco: previsti investimenti significativi sulle strutture

Crescono tutti gli indicatori economici, aumentano gli investimenti. Ma la bolletta – quasi certamente -sarà ridotta.

Sono i numeri del bilancio di Acqua Novara Vco, la società che gestisce il ciclo integrato delle acque nelle due province, che giovedì ha presentato a Stresa i dati del suo bilancio 2017.

«Tutti dati che evidenziano un miglioramento della solidità finanziaria – commenta il presidente Emanuele Terzoli – ma soprattutto, la nostra acqua oltre ad essere buona è economica: 1.000 litri di acqua potabile consegnata direttamente nelle case, costano meno di 1,5 euro (1,49 €/mc) comprensivo dei costi di fognatura e depurazione. Le nostre tariffe sono inferiori alla media nazionale e le bollette più economiche della maggioranza di quelle di altre città vicine e lontane. La spesa media annua per la bolletta (famiglia di tre persone che consuma 150 mc annui) si attesta a 231 euro per famiglia, iva inclusa. In queste settimane poi è in fase di definizione, da parte degli enti competenti (Autorità d’Ambito e Authority nazionale), la tariffa del 2018: sulla base delle prime simulazioni, la stessa dovrebbe subire una riduzione del 2,7% rispetto a quella del 2017, a beneficio dei clienti di Acqua Novara.VCO (-3,1% ad inizio 2019)».

La fotografia emerge dai dati presentati  in conferenza stampa. «Abbiamo deciso di presentare i dati nella sede del Comune di Stresa – precisa Terzoli – perché è qui che avverranno i più cospicui investimenti previsti sul territorio, per due progetti. Affrontiamo in modo strutturale carenze ed esigenze: stiamo intervenendo sul serbatoio (due vasche da 1250 metri cubi) e poi stiamo provvedendo ai collettori fognari di quattro frazioni”. Altri investimenti sono previsti a Villadossola e a Novara».

Acqua Novara.VCO, con il lavoro di 264 dipendenti, due sportelli e sette info points, gestisce il servizio idrico integrato in 140 Comuni delle Province di Novara e del VCO. «Un territorio ampio e ricco di caratteristiche specifiche – commenta l’AD Andrea Gallina – che si estende da nord a sud per oltre 100 chilometri, con una popolazione di oltre 480 mila abitanti. In 133 comuni la gestione 2017 ha riguardato l’intero ciclo idrico (acquedotto, fognatura e depurazione) mentre nei restanti 7 ha riguardato solo la depurazione o congiuntamente fognatura e depurazione. Gli abitanti residenti serviti sono stati oltre 480 mila, per complessive 173 mila utenze civili (erano 170 mila nel 2016) e 526 utenze industriali (erano 529 nel 2016)».

(Nella foto in alto: Terzoli e Gallina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sponsorizzato

La pubblicità su La Voce? PIù spendi più guadagni

La pubblicità su La Voce? Più spendi più guadagni

Lo sapevi che più pubblicità fai sul nostro quotidiano on line e sul nostro free press più guardagni? Da quest’anno, infatti, è stato approvato il cosiddetto Bonus Pubblicità che permette alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali di usufrire di un credito d’imposta in relazione agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa. L’ammontare del beneficio Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati e, addirittura, del 90% nel caso si tratti di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.