Culture Pagine

Il critico Alberto Mattioli e il suo omaggio a Giuseppe Verdi

Appuntamento domani, mercoledì 12 dicembre, nel foyer del Teatro Coccia. Un incontro che anticipa la serata di musica sinfonica "Meno grigi più Rossini"

Appuntamento tra musica e letteratura domani, mercoledì 12 dicembre, alle 18 nel foyer del Teatro Coccia. Alberto Mattioli, giornalista e critico de La Stampa, dialogherà con Luca Baccolini (giornalista di Repubblica e Classic Voice), e presenterà il suo ultimo libro “Meno grigi più Verdi – Come un genio ha spiegato l’Italia agli italiani“.

Giuseppe Verdi è il più celebre e popolare tra gli operisti: i suoi melodrammi continuano a essere rappresentati nei teatri di tutto il mondo. Ma Verdi è stato anche qualcosa di più: insieme a pochi altri grandi compatrioti (Machiavelli, Leopardi, Fellini) ha saputo descrivere gli italiani non per come credono di essere, ma per come sono veramente. Le opere del genio di Busseto sono i modelli dei nostri (tanti) vizi e delle nostre (poche) virtù: la prima scena del Rigoletto sembra svolgersi durante una delle cene eleganti di Arcore; il protagonista di Un ballo in maschera è l’archetipo del bamboccione di provincia, già pronto per comparire nei Vitelloni; Radamès è il ragazzo di buona famiglia che si innamora della colf immigrata Aida invece che di un mezzosoprano socialmente compatibile. E nei suoi capolavori tutti, fra una cavatina e un duetto, ritroviamo atmosfere, situazioni e istituzioni che sono, nel bene e nel male, tipicamente italiane: la famiglia, il rapporto con le donne e con la Chiesa, la noia della provincia, il ruolo degli intellettuali, il peso del denaro. Con sterminata ammirazione, Alberto Mattioli ci insegna a riconoscere in queste pagine divertite e partecipi come Verdi – rappresentandoli con lucida e profonda consapevolezza – ha fatto gli italiani. Senza dimenticare che, in fondo, anche gli italiani hanno fatto Verdi.

L’appuntamento è organizzato in collaborazione con il Circolo dei Lettori di Novara e Libreria Lazzarelli. Ingresso libero.

Un incontro che anticipa la serata di musica sinfonica “Meno grigi più Rossini” in programma per martedì 18 dicembre alle 21 sempre al Teatro Coccia durante la quale Alberto Mattioli sarà ospite della Hungarian State Opera Orchestra, diretta da Balázs Kocsár, che eseguirà l’Eroica di Ludwig van Beethoven, e di Gioachino Rossini la Sinfonia in Re e musiche tratte da L’Italiana in Algeri, La Cenerentola e Il Barbiere di Siviglia – Sinfonia. Biglietti in Teatro o su https://www.fondazioneteatrococcia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,