Culture Pagine

Pagine e parole nel cortile di Casa Bossi

Sabato 8 giugno il monumento antonelliano ha fatto da cornice a "Novara di carta" e alla premiazione dei nove studenti vincitori del concorso letterario promosso dalla Fondazione Lucrezia Tangorra

Pagine e parole nel cortile di Casa Bossi. Ieri, sabato 8 giugno, il monumento antonelliano ha fatto da cornice a “Novara di carta” alla maratona di incontri con gli autori che soni stati i protagonisti della giornata. In apertura Gianluca Morozzi, lo scrittore noir che ha palato della sua ultima fatica letteraria, “Dracula e io”, insieme a Eleonora Groppetti. Poi i fratelli Andrea e Alessadro Cavallini, novaresi che hanno riproposto la copertina per i novant’anni dei Gialli Mondadori, che hanno dialogato insieme agli scrittori Alessandro Barbaglia e Marco Scardigli.

A metà pomeriggio Simone Sarasso è salito sul palco insieme a Erica Bertinotti e alla sua ultima fatica “Tra rock girls, storie di donne, montagne e chitarre storte”. Ha fatto poi il suo ingresso Guido Saraceni, accompagnato dalla editor Lara Giorcelli, il prof controcorrente, docente di filosofia all’università di Teramo, che ha ripercorso il significato del suo libro “Fuoco  è tutto ciò che siamo”. A chiudere la giornata ci ha pensato Luca Bianchini, intervistato da Barbara Bozzola, con la quale ha parlato di “So che un giorno tornerai”, ambientato a Trieste e tratto da un storia vera.

Al termine della mattinata, invece, sono stati premiati i nove studenti vincitori del concorso letterario promosso dalla Fondazione Lucrezia Tangorra. Tre i classificati per ogni categoria, rispettivamente scuola primaria, dal terzo al primo, (Lavinia Caterina Piccolo Brunelli “La fontana dei colori”, Anita Bernasconi “La promessa della noia”, Viola Biggio “Il mio Everest”), secondaria di primo grado (Giorgia Milione “Cuore di pagina”, Angelica Piantoni “La monotonia di un giorno qualunque”, Corinna Garbassi “La vita è una magica avventura novarese”), secondaria di secondo grado (Alice Pellai “Io il cannibale”, Penelope Riccobono “L’aggiustatore di cuori”, Eleonora Ruta “La grigia e ripetitiva storia del narratore”)

Premiate anche le due studentesse, tra oltre cento partecipanti, del liceo artistico Casorati che hanno vinto il concorso per la realizzazione della copertina del libro in uscita a ottobre, Elisabetta Martinoli, e della locandina dell’evento, Alessia Albertin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,