Culture Fatti & persone

Le opere di Isabella Corni rivivono al castello di Novara

Si tratta della prima grande esposizione dell'artista e scultrice canavesana scomparsa nel 2014. In mostra anche i disegni del papà Francesco e di Tullio Zenone, l'artista delle cattedrali vegetali che ha fatto da trait d'union tra la famiglia Corni e l'Atl, organizzatrice dell'evento

Si tratta del primo grande evento dedicato a Isabella Corni, la giovane artista e scultrice canavesana scomparsa nel 2014 in seguito a un incidente stradale. Un avvenimento tragico che ha lasciato un vuoto artistico e affettivo non solo nei famigliari, ma anche in tutte quelle persone che nei quattro anni del suo intenso lavoro (anche grazie alle due lauree in architettura e ingegneria) hanno avuto modo di incontrarla e apprezzare le sue opere.

Ed è proprio grazie a tutte queste persone che ieri al piano terra del castello di Novara è stata inaugurata la mostra “La forza del tempo fragile” curata dalla sorella Elisabetta con le sculture di Isabella e del papà Francesco. I commenti lirici alle opere sono della mamma, Maria Baroni.

«Un’esposizione che racconta belle storie – commentato Elisabetta Corni durante l’inaugurazione -. Nell’ultima fase della sua vita, Isabella aveva scoperto la scultura e il piacere di scolpire insieme agli altri, e noi oggi siamo qui per ricordarla».

In mostra anche alcune opere di Tullio Zenone, l’artista delle cattedrali vegetali che ha fatto da trait d’union tra la famiglia Corni e l’Atl, organizzatrice dell’evento, e che a Novara ha realizzato le installazioni natalizie sparse per il centro storico.

La mostra è visitabile fino al 30 giugno con i seguenti orari: lunedì 14 – 18.30, da martedì a domenica 10.30 – 18.30. Tre gli appuntamenti in programma: sabato 22 giugno alle 15 è in programma una conferenza di Francesco Corni dal titolo “Novara nella Gallia Cisalpina”, evoluzione della città Novaria nel contesto delle città romane della Gallia Cisalpina; nella stessa giornata alle 21 spettacolo teatrale “In difesa del fratello Caino”, scritto e interpretato da Alice Corni.

Domenica 23, invece, alle 15 workshop di disegno: Francesco Corni terrà un corso base di disegno sulla prospettiva e tecniche dello spaccato.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero su prenotazione: info@inkline-edizioni.com, tel. 338 6991485.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

AdnKronos

Luglio e agosto i mesi più critici

Luglio e agosto i mesi più critici

A rischio normali adolescenti che non percepiscono il pericolo Napoli, 14 giu. (AdnKronos Salute) – Con l’inizio delle vacanze scolastiche,